A- A+
Esteri
Guerra Ucraina, Abramovich dopo Putin? Il ruolo segreto del patron del Chelsea

Guerra Ucraina, l'ipotesi di Abramovich successore di Putin

Da presidente del Chelsea a presidente della Russia. Potrebbe sembrare fantascienza ma forse potrebbe un giorno diventare realtà. Molto si sta muovendo intorno alla figura di Roman Abramovich, oligarca dal profilo più internazionale e meno allineato alla propaganda di Vladimir Putin, seppure sia una figura certamente ascoltata dal Cremlino. Dalla richiesta di Volodymyr Zelensky direttamente alla Casa Bianca di non inserirlo nelle sanzioni americane sugli oligarchi sino all'avvelenamento, Abramovich è volto che sembra in procinto di ritagliarsi autonomo all'interno di un panorama di crisi quantomai complesso.

Il segnale che la figura di Abramovich possa assumere un peso rilevante lo si nota dalla decisione del Cremlino di vietare qualsiasi menzione di Abramovich sui media statali dopo che il proprietario del Chelsea è stato avvelenato. Il politico di opposizione Ksenia Sobchak ha segnalato il silenziatore imposto dai media sul nome del patron uscente del Chelsea. I canali statali hanno improvvisamente interrotto ogni menzione su diretto ordine delle autorità.

Questo nonostante continui a partecipare a tutte le sedute negoziali tra i rappresentanti di Mosca e di Kiev. Anche se la Russia sostiene che non faccia parte della loro delegazione ufficiale. Gli stessi ucraini riconoscono in Abramovich una figura di collante fondamentale. Non tutti ricordano, infatti, che i nonni materni di Abramovich erano proprio di Kiev. Questo lascia intuire, secondo alcuni, che Abramovich si stia ritagliando un ruolo peculiare all'interno della crisi.

Guerra Ucraina, i legami tra Abramovich e Zelensky

Anche perché Zelensky ha praticamente supplicato, con successo, Biden di non sanzionare Abramovich con la scusa che potrebbe rivelarsi un importante intermediario nei negoziati di pace tra Mosca e Kiev. Nei giorni scorsi è poi emersa la vicenda dell'avvelenamento di Abramovich attraverso un agente chimico. Il patron del Chelsea durante i suoi lunghi anni europei ha intessuto moltissimi rapporti non solo a livello commerciale ma anche diplomatico. 

La storia di Abramovich dice molto della storia recente della Russia e potrebbe anche dire qualcosa di importante su un ipotetico futuro post Putin. Abramovich ha fatto le sue ricchezze durante la transizione della Russia al capitalismo negli anni '90 - e ha esercitato un enorme potere durante il periodo di Boris Eltsin, il primo presidente russo post-sovietico che ha scelto Vladimir Putin come suo primo ministro e successore nel 2000. Durante i primi mandati di Putin, Abramovich governava la Chukotka, una regione siberiana coperta di permafrost la cui intera popolazione è inferiore alla 50.000 persone.

(Continua nella pagina seguente...)

Commenti
    Tags:
    crisi ucrainaguerra ucrainaroman abramovicterza guerra mondialevladimir putin





    in evidenza
    Fazio annuncia 3 ospiti da urlo e una star di Sanremo. Nuovo colpo del Nove

    Che tempo che fa

    Fazio annuncia 3 ospiti da urlo e una star di Sanremo. Nuovo colpo del Nove

    
    in vetrina
    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


    motori
    DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

    DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.