A- A+
Esteri
Guerra Ucraina, nel 2022 la pace era ad un passo. Ecco perché poi saltò tutto
Vladimir Putin e Volodymyr Zelensky

Guerra Ucraina, le "garanzie di sicurezza" che fecero saltare il patto nell'aprile del 2022. La rivelazione del New York Times

Il vertice in Svizzera per la pace tra Ucraina e Russia è sostanzialmente fallito. Ben dodici Stati chiave hanno deciso di non firmare il comunicato finale e pesa particolarmente il "no" dell'India, oltre a quello del Sudafrica. Secondo Vladimir Kornilov, analista di Ria Novosti onnipresente nei talk show di regime, "la montagna delle Alpi svizzere non ha partorito neppure un topolino, solo tre dei dieci punti previsti inizialmente da Zelensky sono stati approvati e neppure da tutti i partecipanti". Kornilov - riporta Il Corriere della Sera - conclude che il principale obiettivo di Zelensky "è fallito", poiché nei due giorni elvetici "si è più discusso delle proposte di Vladimir Putin, sia pure per criticarle, che di quelle del presidente ucraino". Ieri, il portavoce del Cremlino, Dmitrij Peskov, ha invitato Kiev a prendere seriamente in considerazione l’invito di Putin "mezza Ucraina alla Russia e divieto per Kiev di entrare nella Nato", visto che "l’attuale dinamica al fronte continua a peggiorare per gli ucraini".

Leggi anche: Ucraina, flop del summit in Svizzera. I Brics non firmano il documento finale

Il New York Times - prosegue Il Corriere - ha rivelato che nella primavera 2022, Russia e Ucraina furono molto vicine a un accordo, poi saltato all’ultimo momento. Ma i tanti che hanno usato la notizia per accusare l’Occidente di aver fatto pressione su Zelensky perché non firmasse, sorvolano sul fatto, nero su bianco nell’articolo del Times, che l’intesa fallì per il rifiuto della Russia di inserirvi le garanzie di sicurezza, richieste da Kiev, in base a cui in caso di nuova invasione, un gruppo di Paesi garanti (fra cui Stati Uniti, Francia,Gran Bretagna e Cina) si impegnava a intervenire in sua difesa.






in evidenza
Von der Leyen rieletta, la lunga fila di eurodeputati in attesa di omaggiarla con abbracci e selfie

Home

Von der Leyen rieletta, la lunga fila di eurodeputati in attesa di omaggiarla con abbracci e selfie


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.