A- A+
Esteri
Hong Kong, sfida di Occupy Central nel giorno della festa cinese

A Hong Kong va in scena un "Maidan asiatico" con la "stessa regia" di quello di Kiev, dove le proteste di piazza hanno portato al rovesciamento del governo legittimo ucraino e a nuove elezioni. Cosi' la tv russa - in gran parte controllata dallo Stato - sta presentando ai telespettatori le manifestazioni pro-democrazia esplose nel Territorio. "Il centro finanziario della Cina si e' trasformato in una tendopoli simile a quella ucraina", raccontava ieri, durante il telegiornale delle 20 la conduttrice di Vesti, spiegando che "la maggior parte degli esperti concorda che la somiglianza non e' casuale".

"Le proteste in Ucraina e Cina possono avere la stessa regia", ha aggiunto, senza citare direttamente l'Occidente. Ma il riferimento risultava chiaro a chiunque. La stessa teoria e' condivsa dal canale Ntv, noto per aver spesso confezionato negli ultimi anni programmi per discreditare l'opposizione interna in Russia. In un servizio da Washington, Vesti si e' chiesta poi se la suggestiva immagine della "rivoluzione degli ombrelli", usata dai media occidentali per descrivere l'ultima evoluzione di Occupy Central, non sia qualcosa di inventato a tavolino dall'esterno per fornire una "succosa immagine" alle telecamere del mondo. Pensare che la "generazione smartphone" sia stata in grado da sola di trasformare il telefonino in "strumento di lotta politica" e' impensabile per la tv russa, che subito confrontava due video di una ragazza a Kiev e una a Hong Kong, che chiedono entrambe democrazia per il loro Paese e di diffondere il loro appello sui social network.

Il sottinteso e' che il video cosi' ben confezionato sia un'operazione, anche questa, premeditata. Senza mezzi termini, invece, la condanna all'amministrazione Usa per "essersi subito permessa di dare consigli" a Pechino su come gestire la protesta. Il secondo servizio si chiude con l'intervento di un esperto europeo, secondo il quale "gli Stati Uniti hanno preso di mira tutti quei Paesi che hanno una politica estera indipendente, e non filo-occidentale, e che non corrono a fare quello che ordina l'America". "Per questo e' del tutto plausibile che gli americani ora cerchino di sollevare problemi all'interno della Cina, che non ha aderito alle sanzioni contro la Russia", conclude l'esperto.

Tags:
hong kongoccupy centralfesta cineseproteste
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.