A- A+
Esteri

Si e' conclusa dopo sei mesi l'odissea giudiziaria di un tassista di Hong Kong denunciato per aver arrotondato la tariffa per una corsa dell'equivalente di cinque centesimi di euro. Il dipartimento della Giustizia dell'ex colonia britannica ha deciso il non luogo a procedere per l'irrisorieta' della somma.

Il 57enne Tam Hoi-Chi era stato denunciato da una sua passeggera a cui aveva dato il resto per una corsa da 137 dollari di Hong Kong con 50 centesimi (5 centesimi di euro) in meno rispetto a quanto segnava il tassametro. La donna inizialmente non si era lamentata ma poi aveva segnalato l'"irregolarita'" alla polizia. L'arrotondamento di importi sotto il dollaro e' una pratica comune tra i tassisti di Hong Kong. "Questo e' uno spreco di tempo e di denaro dei contribuenti e del governo", ha protestato il responsabile dell'associazione dei tassisti Wong Chung-keung, osservando che la denuncia doveva essere immediatamente archiviata. Diversi tassisti di Hong Kong sono stati recentemente sospesi, multati e costretti a prestare servizi di pubblica utilita' come punizione per aver gonfiato le tariffe e truffato turisti.

Tags:
hong kongtassistaprocesso
in evidenza
Maria Moran mozzafiato, la Diletta Leotta del calcio spagnolo

Lato A e B da urlo. LE FOTO

Maria Moran mozzafiato, la Diletta Leotta del calcio spagnolo


in vetrina
Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile


motori
BMW XM, alte prestazioni a trazione elettrificata

BMW XM, alte prestazioni a trazione elettrificata

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.