A- A+
Esteri
Huawei sceglie la Francia per il centro 5G europeo. E gli 007 italiani aprono

Huawei sceglie la Francia. E' nel paese transalpino che verrà stabilita una fabbrica per la produzione di infrastrutture tecnologiche necessarie al 5G. Lo ha detto il presidente del colosso cinese, Liang Hua, nel corso di una conferenza stampa tenuta a Parigi. In una prima fase l'investimento prevede 200 milioni di euro, mentre saranno 500 i posti di lavoro. 

Una scelta che non nasce per caso. Nonostante la Francia non abbia mai siglato la Belt and Road (al contrario dell'Italia), ha sempre adottato un approccio pragmatico nei confronti della Cina. Lo dimostrano i numerosi accordi raggiunti a più riprese direttamente dai due presidenti Emmanuel Macron e Xi Jinping. E lo dimostrano anche le parole di Pierre de Bousquet de Florian, il coordinatore dell'Intelligence francese, a Formiche.net, a cui ha dichiarato che la Francia non escluderà “alcun operatore, l’ipotesi non è neanche presa in considerazione”. Una parola che sembra definitiva e che certamente non farà piacere a Donald Trump.

L'Italia, nel frattempo, si è un po' defilata dopo segnali discordanti mandati non solo sul tema 5G. Eppure arriva un'importante segnale di (parziale) apertura da Gennaro Vecchione, direttore generale del Dis, il Dipartimento delle informazioni per la sicurezza, che in un'intervista a Il Sole 24 Ore ha dichiarato che  "la sicurezza nazionale va tutelata, ma non dilatata all'estremo", anche in ambito telecomunicazioni, "a meno che non si ritenga di abbandonare il modello di economia aperta". Un messaggio nemmeno troppo implicito al fatto che un ban totale di Huawei non è nei radar nemmeno dei servizi italiani. 

Nel frattempo, durante il webcast live “Industrial Digital Transformation”, Huawei ha presentato il programma ICT Academy 2.0, con la quale intende promuovere una formazione specializzata per 2 milioni di professionisti ICT e, nei prossimi cinque anni, arricchirne le competenze digitali in collaborazione con le università. Huawei si è impegnata a istituire l’ICT Academy Development Incentive Fund (ADIF), che prevede un investimento totale di almeno 50 milioni di dollari nel corso del prossimo quinquennio. Recentemente la Huawei ICT Academy è approdata anche in Italia e sono state realizzate collaborazioni con l'Università degli Studi di Perugia, il Politecnico delle Marche, l'Agenzia Sarda per le Politiche Attive del Lavoro (ASPAL) della Regione Sardegna e con la Scuola Vega di Roma.

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    huaweifranciacentro 5ggennaro vecchione
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Dopo la fusione fra il Pd e il Csm nasce il nuovo simbolo

    Palamara-gate

    Dopo la fusione fra il Pd e il Csm nasce il nuovo simbolo

    i più visti
    in vetrina
    Heidi Klum nuda in piscina. Vestita solo con la collana. Le foto

    Heidi Klum nuda in piscina. Vestita solo con la collana. Le foto


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mini svela la nuova Countryman

    Mini svela la nuova Countryman


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.