A- A+
Esteri
Turchia, lite sul blocco di Twitter. Gul contro Erdogan: "Inaccettabile"


Cresce la tensione in Turchia all'indomani dell'oscuramento di Twitter voluto dal premier, Recep Tayyip Erdogan, in difficolta' in vista delle cruciali elezioni amministrative del 30 marzo. Il principale partito d'opposizione, il Republican People's Party (Chp), ha annunciato che presentera' un appello in tribunale contro la decisione della corte di bloccare l'accesso al popolare social network, insieme a una denuncia penale contro lo stesso leader islamista per violazione delle liberta' personali.

Intanto, mentre contro la misura si sono schierate l'Ue, con il Commissario per l'allargamento Stefan Fuele che si dice "gravemente preoccupato", e lo stesso presidente turco Abdullah Gul che condanna il bando, il governo ha fatto sapere di non avere intenzione di bloccare altri social media, vedi Facebook e Youtube, come precedentemente minacciato.

Il bando di Twitter e' solo l'ultima di una serie di misure messe in campo negli ultimi mesi dal partito di governo Akp per rafforzare il controllo di fronte alle proteste crescenti contro Erdogan, pesantemente contestato durante le manifestazioni della scorsa estate. Sul premier islamista si e' anche abbattuto lo scandalo tangenti frutto della maxi inchiesta che a dicembre ha colpito personaggi a lui molto vicini e che continua a suscitare tensioni, con la pubblicazione all'inizio del mese di intercettazioni imbarazzanti tra Erdogan e il figlio.

Di fronte all'oscuramento, il web si e' scatenato, cercando di aggirare il blocco. L'hashtag 'TwitterisblockedinTurkey' e' diventato in poche ore tra i piu' seguiti e su Ankara si e' abbattuta una valanga di critiche, con paragoni a Iran e Corea del Nord dove le piattaforme social sono severamente controllate. A gettare acqua sul fuoco ci ha provato il vice premier Ali Babacan, convinto che un accordo verra' trovato e che si risolvera' tutto in un blocco temporaneo. "Non credo che durera' troppo a lungo. Una soluzione reciproca bisogna trovarla", ha commentato in un'intervista televisiva, sottolineando che la liberta' di espressione e' importante, ma bisogna rispettare anche il diritto alla privacy.

Tags:
turchia
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.