A- A+
Esteri
Il senso della democrazia per i democratici Usa

 Di Giuseppe Vatinno

Quello che sta accadendo in questi giorni ed ancora in queste ore nella culla della democrazia mondiale e cioè gli Usa ha dell’incredibile.
Si registra una parossistica tensione in tutte le principali città americane: Chicago, Los Angeles (con episodi di vandalismo come riportato dal Los Angeles Times), San Francisco-naturalmente non poteva mancare l’Università di Berkeley-, New York, Austin, Phoenix, Philadelphia, la “città dell’amore fraterno”. Nella Capitale, Washington, i dimostranti stanno assediando la Casa Bianca.
A New York, i “pacifisti” stanno puntando la residenza di Trump -la “Trump Tower”- a Manhattan sulla Fifth Avenue ma la polizia ha recintato la zona.
 I manifestanti protestano contro l’elezione di Trump a 45-simo Presidente degli Stati Uniti Americani.

Naturalmente gli slogan più gettonati sono quelli del sessantottismo militante duro e puro: "Not My President" ("Non è il mio presidente") e "Love Trumps Hate" ("L'amore sconfigge l’odio di Trump”). Peccato che per ora l’ “odio” sia solo il loro che stanno dando un pessimo esempio al mondo intero.
Sui social gli “hashtaggari” intolleranti stanno creando centinai di “discussioni” in cui riversare rabbia e veleno, fenomeno presente anche da noi, anche se in tono minore.
Ecco qui, dunque, che siamo di nuovo di fronte al finto pacifismo di sinistra, quello che è per l’abbattimento dei muri e -se si può- dei nemici politici anche se appunto democraticamente eletti.

Sinceramente una situazione imbarazzante per Obama e la Clinton che a parole si sono sempre mostrati come dei tolleranti e amichevoli compagnoni salvo che le cose gli vadano male ed allora i loro supporter possono scatenare tutta la violenza e la rabbia repressa in anni di scissione della personalità che più prosaicamente si chiama doppiogiochismo pur di raggiungere l’agognato potere per fare il “bene della ggente”.
Questo si stanno dimostrando i supporter inferociti, violenti ed iconoclasti che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America perché non accettano il voto democratico; sì, proprio quella democrazia di cui cianciano in continuazione, purché siano loro a gestirla e non gli odiati avversari.
Insomma, quello che vediamo in questi giorni ci dimostra che il seme della violenza dei finti pacifisti è sempre presente e dà, appena possibile, i suoi frutti avvelenati di intolleranza e terrore.
Quando (e se) questa ondata di intolleranza si attenuerà forse sarà il caso che i supporter inferociti della Clinton si chiedano perché la loro beniamina ha perso e magari facciano un po’ di critica a se stessi, come ha cominciato a fare il quotidiano radical - chic per eccellenza della borghesia newyorchese, il New York Times.

 

Tags:
democratici usaclintontrump
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.