A- A+
Esteri
India, condannato a 10 anni per stupro il guru Ram Rahim Singh

E' stato condannato a 10 anni per stupro il "guru luccicante" Ram Rahim Singh da un tribunale nella citta' di Panchkula nel nord dell'India. Sabato scorso al riconoscimento della colpevolezza del santone erano esplosi violenti scontri tra fedeli e forze dell'ordine con oltre 30 morti.

Fortissime le misure di sicurezza nel distretto di Rohtak, nello stato del nord dell'India di Haryana, dove si trova il carcere di Sunaria nel quale e' detenuto il guru. Il movimento spirituale induista creato da Gurmeet Ram Rahim Singh e denominato Dera Sacha Sauda (DSS,in hindi Luogo della Verita' Reale) viene accreditato di oltre 50 milioni di seguaci in India e nel resto del mondo. Il dispositivo di sicurezza conta su 2 mila agenti di polizia e 23 compagnie di paramilitari.

Venerdi' scorso quando il tribunale riconobbe la colpevolezza del guri per lo stupro di due donne esplosero incidenti in varie aree del nord dell'India fino alla capitale New Delhi, ma gli scontri piu' duri si ebbero nella citta di Panchkula sede del tribunale. Complessivamente si sono avuti 38 morti, 250 feriti e un migliaio di arresti. Devastate due stazioni ferroviarie e quasi un centinaio di veicoli.

Tags:
indiaram rahim singh
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.