A- A+
Esteri
Israele e Hamas confermano il cessate il fuoco, l'Egitto monitorerà la tregua

Il gabinetto di sicurezza israeliano ha votato a favore del cessate il fuoco che mette fine all'operazione 'Guardiano delle mure" a Gaza. Lo riportano i media israeliani. Secondo Yediot Aharonot la decisione e' stata presa all'unanimita' dai ministri dopo 11 giorni di ostilita'. La tregua dovrebbe entrare in vigore nelle prossime ore.

Hamas ha confermato che il cessate il fuoco con Israele e' "simultaneo e reciproco" ed entra in vigore dalle 2 del mattino di domani (l'una in Italia).

 L'Egitto inviera' due delegazioni, una in Israele e una nei Territori palestinesi, per monitorare l'attuazione dell'accordo di cessate il fuoco raggiunto questa sera. Lo riportano i media egiziani, rilanciati dal sito israeliano Ynet. Dall'ufficio del presidente egiziano, Abdel Fattah Al Sisi, ha dichiarato che "i prossimi passi sono volti a mantenere la stabilita'".

Un comunicato dell'ufficio del premier israeliano, Benjamin Netanyahu, ha riferito che il gabinetto di sicurezza "ha accettato l'iniziativa egiziana per un cessate il fuoco reciproco senza alcuna pre-condizione, che entrera' in vigore a un orario che verra' determinato successivamente". Prima del voto dei ministri riuniti nel gabinetto di sicurezza, i vertici della difesa hanno esposto loro i successi israeliani sul campo, definendo alcuni di essi "senza precedenti". "Hamas e' stata bloccata e ha subito gravi perdite", hanno detto i militari, secondo quanto riporta Tiems of Israel. Secondo il sito Ynet, i vertici della difesa hanno spiegato al governo che Israele ha "esaurito" tutti i suoi possibili traguardi militari nel conflitto con Hamas e gli altri gruppi ritenuti terroristi nella Striscia di Gaza.

L'allarme antiaereo ha cominciato a suonare nel sud di Israele pochi minuti dopo che il governo di Benjamin Netanyahu ha annunciato di aver accettato il cessate il fuoco, senza pero' indicare da che ora anche se fonti israeliane citate dal Times of Israel hanno confermato le 2 locali. Le stesse fonti avevano avvertito che Hamas avrebbe potuto tentare un 'colpo di coda' prima dell'entrata in vigore della tregua. Sul profilo Twitter delle forze armate israeliane, l'Idf, si legge che le sirene hanno cominciato a suonare poco dopo le 22,45 locali. Da questa mattina le milizie islamiste hanno sparato 300 razzi da Gaza, afferma l'Idf. In risposta sono stati colpiti 30 siti di lancio. 

Commenti
    Tags:
    israelehamaspalestinagaza





    in evidenza
    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    La classifica comscore

    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    
    in vetrina
    Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni

    Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni


    motori
    La Nuova Toyota GR Yaris: nata dal Rally, perfetta per la strada

    La Nuova Toyota GR Yaris: nata dal Rally, perfetta per la strada

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.