A- A+
Esteri

Israele intende costruire "migliaia" di nuove unita' abitative per i coloni degli insediamenti nei Territori Occupati: e' l'avvertimento lanciato dal ministro per l'Edilizia israeliano Uri Ariel del partito ultra-nazionalista Habayit Hayehudi, cioe' Casa Ebraica, a poche ore dall'inizio a Gerico della seconda tornata di colloqui diretti tra lo Stato ebraico e l'Autorita' Nazionale Palestinese, dopo gli incontri preliminari di fine luglio a Washington. "Nei prossimi anni costruiremo migliaia di case in Giudea e Samaria", ha dichiarato alla radio pubblica Ariel, citando i nomi biblici delle aree corrispondenti grosso modo all'attuale Cisgiordania. "Nessuno", ha puntualizzato, "detta dove possiamo edificare". Fra domenica e ieri sono gia' state approvate circa duemila abitazioni per i coloni ebraici.

Tags:
israelecisgiordania
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida

Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.