A- A+
Esteri
Rischio Intifada: Israele fa quadrato

All'indomani dell'attentato nella sinagoga di Har Nof a Gerusalemme, centinaia di fedeli sono tornati a pregare mello stesso luogo in cui sono stati uccisi i quattro rabbini. La preghiera e' stata trasmessa in diretta tv da un Paese scosso scosso dall'ondata di volenze nella Citta' Santa. Nella notte e' morto in ospedale anche il poliziotto israeliano che era rimasto ferito. L'agente Zidan Sif, 30 anni e padre di 5 figli, era stato fra i primi a giungere sul posto.

Benjamin Netanyahu ha riunito per la seconda volta il gabinetto di sicurezza per discutere della situazione. Il premier israeliano, che ha minacciato il pugno di ferro, ha invitato i leader dei gruppi di opposizione, arabi esclusi, a unirsi in un governo di unita' nazionale. Intanto, pero', il rischio che esploda una terza Intifada si fa sempre piu' concreto. Nella notte le truppe israeliane hanno abbattuto la casa del palestinese Abed al-Rahman al-Shaludi che, il 22 ottobre, travolse in auto un gruppo di persone alla fermata del tram e presto sara' la volta di quelle dei due cugini palestinesi autori dell'attacco in sinagoga. Poche ore piu' tardi un centinaio di ragazzini, alcuni con non piu' di una decina d'anni, sono scesi in strada a Gerusalemme Est dando fuoco a pneumatici, bloccando l'ingresso a Shuafat e lanciando pietre contro il posto di blocco della polizia.

Papa Francesco e' intervenuto sulla strage alla sinagoga parlando di "inaccettabile violenza" e ha chiesto che si prendano "decisioni coraggiose per la riconciliazione e la pace". Dopo la consueta udienza generale del mercoledi' a Piazza San Pietro, Francesco ha detto che segue con preoccupazione "l'allarmante aumento della tensione a Gerusalemme e in altre zone della Terra Santa" e "gli episodi di inaccettabile violenza anche nei luoghi di culto". Il Pontefice ha lanciato un appello a tutte le parti perche' "si metta fine alla spirale di odio e di violenza e si prendano decisioni coraggiose per la riconciliazione e la pace".

Anche il titolare della Farnesina, Paolo Gentiloni, ha sottolineato la necessita' di "incoraggiare tutte le parti interessate al processo di pace a condannare e a prendere le distanze" da simili azioni. Israele dal canto suo ha fatto notare che non aiutano la distensione decisioni come quella del Parlamento spagnolo che ha chiesto al governo di riconoscere lo Stato palestinese. Intanto resta molto tesa la situazione anche al confine tra la Striscia di Gaza ed Egitto dove razzi hanno colpito una palazzina abitata da civili, a Rafah, causando 15 morti tra cui diverse donne e bambini. Non e' chiaro se sia trattato di un attacco dell'esercito, impegnato nei raid contro le cellule jihadiste della zona, o del lancio di razzi Hawn da parte di estremisti islamici.

Tags:
intifadaisraelehamas
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.