A- A+
Esteri
L'avvertimento dell'Onu: "L'umanità sta giocando con una pistola carica"

L'Onu: "L'umanità sta giocando con una pistola carica"

"L'umanità sta giocando con una pistola carica", mentre proliferano le crisi col potenziale di disastro nucleare. Il monito è arrivato dal segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, da Hiroshima, nel 77esimo anniversario del primo attacco atomico della storia. Guterres ha avvertito del rischio rappresentato dalle crisi in Ucraina, Medio Oriente e nella penisola coreana descrivendo gli orrori subiti dalla città giapponese. "Decine di migliaia di persone sono state uccise in questa città in un batter d'occhio. Donne, bambini e uomini sono stati inceneriti in un incendio infernale", ha ricordato. I sopravvissuti, ha aggiunto, sono stati "condannati a un'eredità radioattiva" di cancro e altri problemi di salute. "Dobbiamo chiederci: cosa abbiamo imparato dal fungo atomico che si è sprigionato sopra questa città". 

Circa 140 mila persone morirono quando Hiroshima fu bombardata dagli Stati Uniti il 6 agosto 1945, un bilancio che include anche coloro che morirono dopo l'esplosione per l'esposizione alle radiazioni. Oggi, "le crisi con gravi toni nucleari si stanno diffondendo rapidamente", ha detto Guterres, ripetendo gli avvertimenti lanciati questa settimana in una conferenza sul Trattato di non proliferazione nucleare a New York. "L'umanità sta giocando con una pistola carica". Prima dell'alba, i sopravvissuti alla bomba atomico e i loro parenti hanno iniziato a radunarsi al Parco del Memoriale della Pace di Hiroshima per rendere omaggio alle vittime. Una preghiera silenziosa si è svolta alle 8:15 (ora locale), il momento esatto in cui è stata sganciata la bomba. L'ambasciatore russo in Giappone non è stato invitato alla cerimonia, ma giovedì ha visitato Hiroshima per deporre fiori al memoriale commemorativo. Da quando la Russia ha invaso l'Ucraina a febbraio, il presidente Vladimir Putin ha lanciato minacce velate sull'uso di armi nucleari tattiche. 

Nel suo discorso, il sindaco di Hiroshima Kazumi Matsui ha citato lo scrittore russo Lev Tolstoy: "Non costruire mai la tua felicità sulla sfortuna degli altri, perchè solo nella loro felicità puoi trovare la tua". Tre giorni dopo il bombardamento di Hiroshima, Washington sganciò una seconda bomba atomica sulla città portuale giapponese di Nagasaki, uccidendo circa 74 mila persone e decretando la fine della Seconda guerra mondiale. Sono meno di 119 mila i sopravvissuti ufficialmente riconosciuti ai due attacchi nucleari, secondo le statistiche del governo risalenti a marzo. Gli Stati Uniti rimangono l'unico Paese ad aver mai usato armi nucleari in un conflitto. è stata la prima volta che Guterres ha partecipato di persona alle commemorazioni per l'attacco a Hiroshima in veste di capo delle Nazioni Unite; la sua visita programmata l'anno scorso era stata annullata a causa della pandemia di Covid-19. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    onu





    in evidenza
    Oscar 2024, è allarme pubblicità? La Disney va a caccia di inserzionisti

    Spot ancora invenduti a due settimane dall'evento. I prezzi

    Oscar 2024, è allarme pubblicità? La Disney va a caccia di inserzionisti

    
    in vetrina
    Federica Masolin non lascia del tutto, Vicky Piria new entry: la rivoluzione di Sky F1

    Federica Masolin non lascia del tutto, Vicky Piria new entry: la rivoluzione di Sky F1


    motori
    Le iconiche Lamborghini al Concorso d'Eleganza "The I.C.E di St.Moritz

    Le iconiche Lamborghini al Concorso d'Eleganza "The I.C.E di St.Moritz

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.