A- A+
Esteri
L'intelligenza artificiale nei panni di un avvocato: difenderà un caso in Uk

Intelligenza artificiale e giustizia, la svolta arriva dal Regno Unito 

Quando l'intelligenza artificiale si fonda con la giustizia non può che nascere un connubio alquanto innovativo. E' quanto sta sperimentando il Regno Unito nei suoi tribunali: un algoritmo sviluppato da DoNotPay consiglierà un imputato durante un caso giudiziario, rendendolo probabilmente il primo caso in assoluto difeso da un'Ai. L'intelligenza artificiale funzionerà su uno smartphone, ascoltando il procedimento in aula prima di istruire l'imputato su cosa dire tramite un auricolare. Nel caso in cui l'Ai perda la causa, DoNoPay ha accettato di coprire eventuali multe.

Presentato dal New Scientist come "il primo avvocato robot al mondo", si propone di aiutare le persone a "combattere le corporazioni, sconfiggere la burocrazia e citare in giudizio chiunque con la semplice pressione di un pulsante". Il creatore dell'algoritmo, uno scienziato informatico della Stanford University, ha lanciato DoNotPay nel 2015 come chatbot per fornire consulenza legale ai consumatori nei casi di penali per ritardi nei pagamenti o multe.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
giustiziaintelligenza artificiale





in evidenza
Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

La conduttrice vs Striscia la Notizia

Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”


in vetrina
Affari in Rete

Affari in Rete


motori
Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.