A- A+
Esteri
La Libia ricatta l'Italia sui migranti

Dai tempi di Gheddafi l’Italia è il bancomat dei governi libici che la ricattano regolarmente sulla questione degli sbarchi di migranti.

Abdulsalam Kajman, vice di Sarraj, il capo di uno dei due governi libici, è in missione a Roma e ne approfitta per bussare -come al solito- a quattrini, sicuro che un Paese strutturalmente debole e ricattabile come l’Italia cederà perché il furbo levantino sa che ci sono le elezioni e le bombe umane non portano tanti voti ed anzi li fanno perdere.

Kajman, un nome un programma, è nella Capitale per perfezionare il memorandum siglato poco tempo fa per contrastare l’immigrazione illegale.

Si ricordi come la Libia, zona di tradizionale influenza italiana, sia cruciale per gli interessi italiani con il gas gestito da Eni e come la caduta di Gheddafi voluta dai francesi di Sarkozy e con l’avallo inglese ed americano e l’incredibile accettazione del governo Berlusconi si può configurare come un vero e proprio piano ostile per allontanare l’Italia da una sua ex colonia.

E purtroppo il piano è riuscito visto che grazie all’azione destabilizzatrice dei potentati occidentali ora dominano delle tribù più o meno raffazzonate che spesso esercitano un notevole potere di ricatto nei confronti del nostro Paese.

 

 

Tags:
libia migranti ricatto kajman
in evidenza
Ary, la tigre della Bielorussia pronta a 'sbranare' Magda Linette

Australian Open bollente

Ary, la tigre della Bielorussia pronta a 'sbranare' Magda Linette


in vetrina
Barceló Hotel Group: rafforzato il management in Italia

Barceló Hotel Group: rafforzato il management in Italia


motori
Renault “elettrizza” il Salone Rétromobile 2023

Renault “elettrizza” il Salone Rétromobile 2023

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.