A- A+
Esteri
La Russia minaccia i Paesi confinanti. Georgia, "proteste pilotate dagli Usa"

"Gli eventi di questi giorni in Georgia ricordano quelli di Euromaidan a Kiev che nel 2014 portarono al rovesciamento del presidente filorusso Viktor Yanukovich"


Dopo la decisione del governo della Georgia di ritirare il disegno di legge sugli “agenti stranieri“, che aveva innescato massicce proteste in tutto il Paese, lodate apertamente da Ue e Usa, il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, ha avvertito l'Occidente. "Gli eventi di questi giorni in Georgia ricordano quelli di Euromaidan a Kiev che nel 2014 portarono al rovesciamento del presidente filorusso Viktor Yanukovich", ha detto Lavrov citato dall’agenzia russa Tass.

Secondo Mosca, le proteste che il 22 febbraio 2014 portarono l’ex presidente ucraino a fuggire da Kiev e a rifugiarsi a Rostov sul Don, in Russia, erano sostenute dall’Occidente e in particolare dagli Stati Uniti. Yanukovich, all’epoca, definì l’accaduto "un colpo di stato ordito da forze neonaziste ucraine": un precedente citato regolarmente dal Cremlino per giustificare l’invasione dell’Ucraina lanciata poco più di un anno fa in nome di una fantomatica “denazificazione” del Paese.

Ma non c’è solo la Georgia nei pensieri dei vertici di Mosca. Intervenendo sulla tv di Stato russa, Lavrov ha proseguito la riflessione lanciando un monito ben più ampio ed inquietante: "I Paesi confinanti con la Russia dovrebbero tenere in considerazione i pericoli insiti nel finire nella sfera di influenza degli Stati Uniti, traendo le loro conclusioni sul grado di pericolo nel prendere la strada dell’inclusione nella zona di responsabilità o nella zona di interesse degli Stati Uniti".

Sul fronte occidentale, la Russia divide confini da un anno sotto stretta osservazione con Finlandia, Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia (tramite l’enclave di Kaliningrad), oltre a Ucraina e Bieloroussia. Lavrov ha poi osservato che "l’Occidente ha approcci diversi alle proteste in Georgia e in Moldavia, perché l’opposizione moldava non soddisfa gli interessi occidentali", sottolineando che l’opposizione georgiana non solo è autorizzata, ma obbligata ad agire così perché riflette gli interessi occidentali, mentre l’opposizione in Moldavia riflette interessi diversi filo-russi) perché gli interessi occidentali sono rappresentati dal governo e dalla presidente" Maia Sandu.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
georgia minaccia occidente lavrov





in evidenza
Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

Le foto

Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
Matrimonio in vista? Quell'anello...


in vetrina
Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


motori
Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.