A- A+
Esteri
"La Turchia pensa a un genocidio. Siamo pronti al martirio". Video

Video intervista di Claudio Bernieri

 

 

 

 

Padre Tirayr ci riceve nella piccola insolita  chiesa in stile armeno costruita agli inizi del ‘900 a Lambrate. Una via discreta: un tempo come dirimpettaio la chiesa aveva un alberghetto  a ore. “ Noi preferiamo costruirci ex novo le nostre chiese, come  vede ,che richiamano lo stile orientale ortodosso “.

Il portale di legno inciso a mano riprende  finemente i profili delle più belle  chiese dell’Armenia: la più antica tra le  comunità cristiane, che precede quella di Roma. Ogni domenica alle 11 in via Jommelli  si svolge l’antichissima liturgia armena, due ore e mezza di messa. Misteriosi canti nella antica innodia  liturgica. Qui tutto gronda tradizione e devozione , al profano la messa più che una celebrazione eucaristica pare un’opera lirica. Ma questa domenica le preghiere saranno rivolte soprattutto alla pace. E al timore di un nuovo genocidio.

nagorno karabak 2
 

“In Armenia  ora c’è la mobilitazione generale, è una guerra sacra, è una guerra per le nostra esistenza, siamo pronti anche al martirio” racconta il padre , che guida la comunità armena, circa millecinquecento anime, a Milano:” Vogliamo  vivere, pregare Dio e stare in pace, ma siamo un ostacolo, come la Siria. I turchi dicono: noi siamo una nazione unica  in due paesi, la Turchia e l’Azerbaijan, e lo dicono con arroganza. E noi siamo in mezzo: è  un  processo che continua ,dopo la Siria e la Libia”

 L’avanzata jihadista dei mercenari siriani manovrati dalla Turchia intanto prosegue, nel silenzio dell’Europa.. Ha poca fiducia nell’Europa e nei media, padre Tirayr. Oggi si prova: il piccolo coro armeno innalza al Dio di Abramo i suoi inni mediorientali , melodie antichissime che nei secoli sono passate attraverso i monaci egizi  a Roma: la fonte del gregoriano. Inni cugini  di quelli salmodianti nelle sinagoghe.

 

“Vogliono eliminarci come paese cristiano con radici antiche, hanno già cercato di assimilarci nel passato, ma noi abbiano la mostra propria identità” continua il padre”  Noi sentiamo nella nostra anima che la Turchia pensa a un genocidio, io come sacerdote non auspico nessuna   vittima, ogni morto è un dolore.  Ma oggi i turchi  hanno bombardato la capitale del Nagorno-Karabak. Ci vogliono eliminare tutti.” E i suoi occhi dolci infine ci confessano: “ noi armeni ci batteremo fino all’ultimo uomo, siamo pronti al martirio”.

Commenti
    Tags:
    genocidio armeno





    in evidenza
    Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni

    Le due star vogliono diventare solisti

    Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni

    
    in vetrina
    Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

    Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


    motori
    La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

    La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.