A- A+
Esteri
"Gheddafi finanziò la campagna di Sarkozy". Lui si difende: "Una falsità"

Sarkozy ha giurato davanti al giudice di non aver nulla a che vedere con il  documento pubblicato dal sito Mediapart in cui si sosteneva che Gheddafi avesse finanziato Sarkozy per la sua campagna elettorale. Il documento aveva provocato stupore e imbarazzo all'interno della classe politica e nei media. L'accusa era molto grave: Nicolas Sarkozy, secondo il documento era accusato di aver ricevuto un considerevole sostegno finanziario del dittatore libico Muammar Gheddafi per la sua campagna presidenziale del 2007.

Dopo un anno e mezzo di indagini giudiziarie, c'è prudenza. Le indagini avviate dopo una denuncia di  Sarkozy per " falso", hanno rafforzato i dubbi circa l'autenticità della nota. 

Una cosa è certa: fino ad oggi, nessun documento o prova convincente ha confermato l'autenticità della nota. Al contrario gli investigatori hanno accumulato elementi tali da far dubitare della sua veridicità . Una settimana prima del secondo turno delle elezioni presidenziali, il memorandum contestato indica che il finanziamento 2007 della campagna elettorale di Nicolas Sarkozy da parte del regime libico era stato deciso nel corso di una riunione tenuto 6 ottobre 2006 alla presenza del futuro ministro degli interni Brice Hortefeux , intermedio Takieddine , direttore del signor Gheddafi , Bashir Saleh , e il direttore dell'intelligence libica , Abdullah Senussi . Ma non c'è nessuna prova che questo incontro sia avvenuto veramente.

Nel documento pubblicato da Mediapart e attribuito a Moussa Koussa, l'ex capo dei servizi segreti stranieri dalla Libia, ora in esilio, diceva che Tripoli aveva accettato di finanziare per "50 milioni di euro " la campagna vittoriosa di Nicolas Sarkozy . Ma lo stesso Moussa Koussa aveva subito smentito
 Dall'altra parte Mediapart mantiene la sua posizione: il documento dice la verità.  Il sito continua a sostenere: "la serietà della ricerca e autenticità dei documenti", dice direttore Edwy Plenel, che ha confermato che è stato ascoltato dalla Corte, come i due giornalisti autori dell'articolo.

Tags:
libiasarkozynotadocumento
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.