A- A+
Esteri
Mafia, arrestato nel Catanese il boss latitante Sebastiano Mazzei

Sebastiano Mazzei, ricercato per associazione mafiosa e a capo dell'omonimo clan,, e' stato catturato dalla polizia. Figlio di Santo Mazzei, detenuto in regime di 41 bis e legato all'area stragista dei Corleonesi di Leoluca Bagarella, e' stato arrestato dalla Squadra Mobile e dallo Sco dopo un anno di latitanza: era sfuggito al blitz "Scarface" della Guardia di finanza.

E' accusato di gestire in prima persona gli affari del suo clan e in particolare il reinvestimento dei ricavi delle attivita' illecite, non soltanto estorsioni, ma anche bancarotte aggravate dal metodo mafioso nel circuito legale, attraverso l'acquisto di attivita' economiche, tutte fittiziamente intestate a prestanome. Il secondo ordine di arresto e' dell'8 luglio 2014 quando Dia e Carabinieri di Randazzo eseguirono l'operazione antimafia "Ippocampo". In quell'indagine il boss era accusato di associazione mafiosa e traffico di droga in collegamento con organizzazioni criminali calabresi della Piana di Gioia Tauro.

Tags:
mafiaarrestatobosslatitantesebastiano mazzei
in evidenza
Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality

"Ci sarà anche Maxi Lopez"

Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality


in vetrina
Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra

Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra


motori
Nuove Alpine A110 R, progettata per la pista omologata per la strada

Nuove Alpine A110 R, progettata per la pista omologata per la strada

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.