A- A+
Esteri
Mafia, arrestato nel Catanese il boss latitante Sebastiano Mazzei

Sebastiano Mazzei, ricercato per associazione mafiosa e a capo dell'omonimo clan,, e' stato catturato dalla polizia. Figlio di Santo Mazzei, detenuto in regime di 41 bis e legato all'area stragista dei Corleonesi di Leoluca Bagarella, e' stato arrestato dalla Squadra Mobile e dallo Sco dopo un anno di latitanza: era sfuggito al blitz "Scarface" della Guardia di finanza.

E' accusato di gestire in prima persona gli affari del suo clan e in particolare il reinvestimento dei ricavi delle attivita' illecite, non soltanto estorsioni, ma anche bancarotte aggravate dal metodo mafioso nel circuito legale, attraverso l'acquisto di attivita' economiche, tutte fittiziamente intestate a prestanome. Il secondo ordine di arresto e' dell'8 luglio 2014 quando Dia e Carabinieri di Randazzo eseguirono l'operazione antimafia "Ippocampo". In quell'indagine il boss era accusato di associazione mafiosa e traffico di droga in collegamento con organizzazioni criminali calabresi della Piana di Gioia Tauro.

Tags:
mafiaarrestatobosslatitantesebastiano mazzei
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra

Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.