A- A+
Esteri
Marò, esclusa la pena di morte, imputazione 'annacquata'

Secondo la stampa indiana nei confronti dei marò non sara' piu' invocato il passaggio della legge sulla sicurezza marittima (Sua Act) che prevede in modo obbligatorio la pena di morte in caso di omicidio. Secondo Times of India, il governo ha ordinato alla polizia investigativa della Nia (National Indian Agency) lunedi', nell'udienza dinanzi alla Corte Suprema, di perseguire Salvatore Girone e Massimiliano Latorre in base a un passaggio del Sua Act (sezione 3 comma 'A') che comporta una pena massima di 10 anni (l'ipotesi circolata finora era invece di ricorrere al comma G-1 che prevede obbligatoriamente la pena di morte per chi abbia commesso un omicidio in mare). Secondo The Economic Times, i due militari saranno comunque anche incriminati per omicidio in base alla sezione 302 del codice penale indiano che prevede l'ergastolo e, ma solo nei casi piu' estremi, la pena di morte.

MAURO - La vicenda dei due maro' trattenuti in India "non e' questione che riguarda i militari e la Difesa". Lo ha detto il ministro Mario Mauro alla convention dei Popolari per l'Italia, che si e' aperta con l'inno nazionale e un lungo applauso proprio per i due fucilieri di Marina. La vicenda riguarda invece "la nostra concezione di societa' e di pace", ha aggiunto. I due militari, ha proseguito Mauro, "hanno messo in gioco se stessi" svolgendo il proprio compito e assumendo le proprie responsabilita' e non possono non sapere "di avere dietro di se' una nazione intera, l'Europa, il mondo intero".

Tags:
maròindia
in evidenza
"Miss Wimbledon" Rybakina vs la tigre Aryna Sabalenka: è un Australian trhilling!

Camila Giorgi, minigonna vertiginosa... Che foto!

"Miss Wimbledon" Rybakina vs la tigre Aryna Sabalenka: è un Australian trhilling!


in vetrina
Eni: presentati i risultati del Navigatore ESG di Open-es

Eni: presentati i risultati del Navigatore ESG di Open-es


motori
Nissan, inaugurato il nuovo magazzino ricambi in Italia

Nissan, inaugurato il nuovo magazzino ricambi in Italia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.