A- A+
Esteri
Marò/ La Corte Superma indiana dà l'ok al rientro in Italia di Latorre

Massimiliano Latorre, il marò colpito da ischemia il 31 agosto, potrà tornare in Italia a curarsi per 4 mesi. Il disco verde è arrivato dalla Suprema Corte indiana che ha dato parere favorevole al rientro del fuciliere.  L'odissea dei due maro' italiani in India si trascina ormai da due anni e mezzo. Queste le tappe salienti della vicenda che ha aperto un contenzioso tra Roma e New Delhi: - 15 febbraio 2012: due pescatori indiani vengono uccisi dagli spari che li centrano a bordo della loro barca al largo delle coste del Kerala. Della loro morte vengono accusati i due maro' in servizio anti-pirateria sulla petroliera Enrica Lexie, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, fermati il 19.

Ne nasce uno scontro con l'Italia sulla giurisdizione del caso - 18 gennaio 2013: la Corte Suprema indiana stabilisce che il governo del Kerala non ha giurisdizione sul caso che affida a un tribunale speciale da costituire a New Delhi. - 21 marzo 2013: il governo italiano annuncia che i due maro' rientreranno in India al termine di una licenza concessa per permettergli di votare, dopo le fortissime pressioni di New Delhi seguite a un precedente annuncio che non sarebbero tornati. In cambio e' stata ottenuta da New Delhi assicurazione scritta sul trattamento sulla tutela dei diritti dei due militari e sul fatto che e' esclusa la pena di morte. Il dietrofront portera' alle dimissioni per protesta del ministro degli Esteri, Giulio Terzi. - 25 marzo 2013: a New Delhi viene costituito il tribunale "ad hoc" per giudicare i due militari.

Latorre lancia un accorato appello ai politici italiani: "Unite le forze e risolvete questa tragedia". - 28 marzo 2014: la Corte Suprema indiana accoglie il ricorso presentato dai due fucilieri italiano contro il coinvolgimento nel caso della Nia, la polizia antiterrorismo, dopo che e' stato escluso il ricorso alla legge antipirateria. I giudici sospendono il processo a carico dei maro' presso il tribunale speciale.

Nel frattempo l'Italia punta a internazionalizzare il caso e sollecita un arbitrato sulla giurisdizione, invocando anche l'immunita' funzionale di cui godevano i due militari - 31 luglio 2014: l'udienza davanti al tribunale speciale di New Delhi e' aggiornata al 14 ottobre - 31 agosto 2014: Massimiliano Latorre viene ricoverato in un ospedale di New Delhi a causa di una leggera ischemia cerebrale - 6 settembre 2014: i legali del fuciliere di Marina presentano un ricorso alla Corte Suprema per farlo rientrare in Italia e favorire il suo ristabilimento - 8 settembre 2014: la Corte Suprema chiede un parere al governo indiano, aggiornando l'udienza a venerdi' prossimo. New Delhi fa sapere che non si opporra' al rientro in Italia di Latorre per motivi di salute.

Tags:
maròlatorreischemiaitalia
in evidenza
Nicole Minetti su Instagram Profilo vietato agli under 18

Le foto valgono più delle parole...

Nicole Minetti su Instagram
Profilo vietato agli under 18

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia

Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.