A- A+
Esteri
Migranti, vertice a Parigi. Macron: "Italia esempio per tutti"

GENTILONI: "PASSI AVANTI MA L'IMPEGNO SUI MIGRANTI VA EUROPEIZZATO"

Sulla rotta del Mediterraneo nelle ultime settimane "abbiamo conseguito dei risultati: sono risultati inziiali, che vanno consolidati", ma "dimostrano che il vento può cambiare" nel controllo dei flussi migratori. Lo ha sottolineato il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, al termine del vertice di Parigi. Il premier ha però ribadito: "L'impegno va europeizzato, perché non può essere solo di un Paese o di alcuni Paesi: deve diventare un impegno europeo".

MACRON: "IL LAVORO DELL'ITALIA? UN ESEMPIO PERFETTO"

Quella dei migranti è una "sfida che ci riguarda tutti e che nessuno può risolvere da solo": Lo ha detto il presidente francese Emmanuel Macron in conferenza stampa all'Eliseo. "Nella rotta mediterranea i flussi sono diminuiti in luglio e in agosto, mentre sono aumentati sulla rotta occidentale e questo ci preoccupa", ha sottolineato il presidente francese. "Dobbiamo agire tutti insieme, dai Paesi d'origine fino all'Europa, passando per i Paesi di transito per condurre un'azione efficace", ha affermato Macron, aggiungendo che quella dei flussi migratori è una sfida sia per l'Ue che per l'Unione africana". "E' un esigenza morale, di solidarietà, ma anche un principio di azione e di efficacia". La stabilizzazione della Libia è una "necessità assoluta per la pace", ha detto Macron rendendo omaggio, tra l'altro all'azione "importante" dell'Italia. Per Macron, oggi più che mai è necessario "smantellare le reti di trafficanti identificando i responsabili". "Abbiamo dato il via libera ad un piano d'azione a breve termine molto rapido e mi sembra la risposta più efficace al fenomeno intollerabile dei trafficanti di esseri umani che hanno fatto un cimitero del deserto e anche del Mediterraneo e sono legati al terrorismo". Il piano d'azione, ha aggiunto Macron, servirà a "prevenire ulteriori problemi e ulteriori flussi" e prevede "la possibilità di organizzare un rientro nei Paesi di origine". Lo scambio di oggi ha permesso di "attuare azioni concrete a monte, nei due grandi Paesi di transito e cioè Niger e Ciad". Macron ha ricordato "l'impegno profondo" di questi due Paesi per "la lotta al traffico di esseri umani". "A Orleans mi ero impegnato per poter avere zone sicure in Niger e Ciad, questo è importante per evitare a donne e uomini di correre rischi insensati nel deserto e nel Mediterraneo", ha spiegato il presidente francese sottolinenando che nel vertice di oggi all'Eliseo si è deciso di mettere in atto controlli sui migranti direttamente in Africa, dove sarà attivo l'alto commissariato dell'Onu per i rifugiati (Unhcr), "è una cooperazione in materia di sicurezza e giustizia".

MERKEL: "SOSTEGNO CONCRETO ALLA LIBIA"

"Chiaramente l'Italia e la Libia sono elemento fondamentale come interfaccia, ringrazio quindi il presidente libico Fayez Al Serraj e il presidente del Consiglio italiano Paolo Gentiloni", ha poi detto la cancelliera tedesca Angela Merkel. "Ad Agosto sono arrivati 3.500 migranti e le morti sono diminuite: il numero di migranti si riduce un po' e si riducono anche gli annegamenti", ha sottolineato Merkel. "In Libia la situazione deve migliorare, daremo sostegno concreto in modo tale che chi vive in situazioni inaccettabili possano avere un futuro accettabile". Bisogna "chiarire chi sono coloro che vengono dalla Libia", cioè chi arriva in Europa "per motivi economici o per altri motivi", ha affermato Merkel. Serve una discussione con l'Alto Commissariato dell'Onu per fermare" l'immigrazione clandestina, ha detto la cancelliera assicurando l'impegno europeo di cooperazione perché "i migranti economici devono poter rientrare nei lori Paesi". Merkel ha ricordato che 23.500 persone sono giunte in Italia a giugno e 530 hanno perso la vita nella traversata. Ad agosto sono morte 210 persone, ha detto ancora Merkel. "C'è la necessità di trovare un giusto approccio nella gestione dei flussi, dobbiamo fare dei passi avanti", ha spiegato la cancelliera tedesca. Merkel ha ringraziato il primo ministro del governo d'accordo nazionale libico Fayez al Sarraj per i passi avanti fatti. E ha detto che va "dato aiuto alle persone che vengono trattenute in Libia in condizioni assolutamente inaccettabili". "Oggi nasce una squadra per tradurre in atti le parole", ha aggiunto Macron che ha ricordato come, nei prossimi giorni, una riunione a livello ministeriale darà seguito alle decisioni prese all'Eliseo che, inoltre, saranno oggetto del prossimo vertice Ue-Africa. Macron ha così annunciato la creazione "già da oggi" di una "equipe operativa" per valutare l'attuazione sul terreno degli impegni assunti al vertice dell'Eliseo. Il leader francese ha anche annunciato che "nei prossimi mesi" ci sarà un vertice in Spagna prima del summit Ue-Africa per fare "il punto della situazione".

Tags:
migrantiverticemacron
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
CUPRA Born,ordinabile in Italia

CUPRA Born,ordinabile in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.