A- A+
Esteri
Myanmar, siluro dell'Onu sul Nobel Aung San Suu Kyi: "Dovrebbe dimettersi"

L'Alto commissario al Hussein: "Ha giustificato i militari"

Duro attacco dell'Alto commissario Onu per i diritti umani, Zeid Ra'ad al Hussein, alla leader di fatto di Myanmar, Aung San Suu Kyi, per il suo ruolo durante la crisi della minoranza musulmana dei Rohingya.

San Suu Kyi, dice al Hussein in un'intervista alla Bbc, "avrebbe dovuto dimettersi" invece di coprire l'operato dei militari, accusati in un recente rapporto Onu di avere affettuato una vera e propria pulizia etnica nei confronti dei Rohingya. Il tentativo della Nobel per la Pace di giustificare le azioni dei militari, afferma al Hussein, che è al termine del suo mandato, è stato "profondamente deplorevole". 

Commenti
    Tags:
    myanmaraung san suu kyi
    in evidenza
    Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

    Costume

    Gregoraci lascia la casa di Briatore
    Racconto in lacrime sui social

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


    casa, immobiliare
    motori
    Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida

    Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.