A- A+
Esteri
Nigeria, bimba kamikaze in un mercato

Era una bambina di soli 7 anni la kamikaze che si è fatta esplodere a un posto di controllo all'ingresso di un mercato di Potiskum, nel nord-est della Nigeria, causando 5 morti e diversi feriti. La bambina, ha spiegato un testimone, "si è rifiutata di sottoporsi ai controlli e poi ha fatto esplodere la bomba" che aveva attaccata al corpo.

Testimoni hanno descritto l'attentatrice come una "bambina piccola", stimando che non avesse più di otto anni: "Cinque persone sono rimaste uccise insieme alla bambina e altre 19 sono state ricoverate in ospedale", ha dichiarato uno dei testimoni. L'azione non è stata rivendicata, ma porta i segni distintivi del gruppo Boko Haram.

Potiskum è tristemente nota in Nigeria perchè già in precedenza Boko Haram ha usato bambine-kamikze: il 10 gennaio due bimbe, una di 10 ed una di 15, si fecero esplodere causando 7 morti. Questo di oggi vedrebbe il non invidiabile recordo della kamikaze più piccola mai impiegata dai cosiddetti 'talebani d'Africa', che seminano morte e distruzione dal 2009 anni in Nigeria e negli ultimi mesi anche in Ciad e Niger.

Tags:
nigeria
in evidenza
Tra iperemesi e anoressia Paura nel Regno Unito per Kate

La principessa pesa 45 chili, preoccupati sudditi e fan

Tra iperemesi e anoressia
Paura nel Regno Unito per Kate


in vetrina
Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla

Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla


motori
Drivalia lancia CarCloud Next dedicato all'Alfa Romeo Tonale

Drivalia lancia CarCloud Next dedicato all'Alfa Romeo Tonale

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.