A- A+
Esteri
Onu, Gentiloni: non si risponde a sfide comuni con i muri

"L'illusione di rispondere alle sfide che abbiamo davanti difendendo ciascuno il proprio interesse nazionale, contrapponendo Paesi a Paesi è una illusione. Non si risponde a queste sfide con i muri, si risponde con un lavoro comune". E' un intervento di tono diametralmente opposto a quello di Donald Trump, quello del premier Paolo Gentiloni in una conferenza stampa al Rose Garden dell'Onu prima del suo intervento all'assemblea generale delle Nazioni Unite.

"Oggi e' un'occasione per misurare il metodo del lavoro multilaterale", ha aggiunto. Attaccando i populismi, il premier spiega che "i reazionari del nostro tempo hanno scoperto che la nostalgia può essere una potente motivatore politico: forse anche più potente della speranza. Perché le speranze possono essere deluse, la nostalgia è irrefutabile". È sulla nostalgia verso un passato mitico e distante, insomma, che fanno leva i populisti, compresi quelli di casa nostra: "Maestri dell'illusione, sono al lavoro per assicurarsi che le legittime cause della rabbia e della frustrazione della gente si pieghino a loro vantaggio: economico e di potere". E ancora: "Credo non ci siano possibilità che le posizioni anti-establishment e anti-europa conquistino la maggioranza del governo del nostro Paese".

Gentiloni poi parla a una platea di studenti e membri della comunità italoamericana. Nelle sue risposte il premier ha ribadito che l'Europa deve "lavorare unita per affrontare la questione dei migranti, con la consapevolezza che non è un problema che scomparirà domani". Sottolineando che il vecchio continente "ha bisogno di politiche economiche più forti senza fare dell'austerità la sua unica bussola". Sostenendo la solidità del sistema politico italiano: "Anche quando cambiano i governi, valori e sistema politico restano solidi. I valori fondamentali non sono mai cambiati dalla fine della seconda guerra mondiale". E ammettendo che bisogna investire di più nella ricerca e nell'università: "Non solo per riportare in patria i cervelli italiani, ma anche per attirare sempre più studenti stranieri".

D'obbligo una domanda sul discorso tutto "fuoco e furia" fatto da Donald Trump poche ore prima all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite: "Donald Trump continua a mettere l'accento sulle necessità del proprio paese. Capisco la necessità di portare avanti la propria agenda e le critiche all'Onu. Ma resto convinto che le crisi si risolvono solo con un approccio multilaterale. Il mondo ha bisogno delle Nazioni Unite. Per risolvere crisi come quella nordcoreana serve l'impegno di più giocatori in campo".

Tags:
onugentiloni paolo
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.