A- A+
Esteri
Pakistan: 14enne arso vivo perché cristiano

Orrore in Pakistan: un 14enne cristiano e' stato dato alle fiamme da un gruppo di giovani musulmani ed e' morto in ospedale a Lahore, dopo giorni di agonia. Il ragazzo, Nauman Masih, e' stato fermato venerdi' scorso da due giovani che gli hanno chiesto quale religione professasse. Quando il ragazzo ha risposto di essere cristiano lo hanno cosparso di benzina e gli hanno dato fuoco, provocandogli gravissime ustioni sul 55% del corpo.

Secondo alcuni osservatori citati dall'agenzia Fides, il gesto potrebbe essere stato una vendetta dopo il linciaggio di due musulmani avvenuto a Youhanabad, in seguito all'attentato alle due chiese del 15 marzo. Dopo il linciaggio pubblico, la polizia ha perquisito molte abitazioni a Youhanabad e arrestato oltre 100 giovani cristiani per rintracciare i colpevoli.

Tags:
pakistanisisarso vivo
in evidenza
Dal football americano a Playboy, Sara Blake star bollente. FOTO

E su OnlyFans...

Dal football americano a Playboy, Sara Blake star bollente. FOTO


in vetrina
Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra

Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra


motori
Citroën Ami – 100% ëlectric èprotagonista di “RispettAMI"

Citroën Ami – 100% ëlectric èprotagonista di “RispettAMI"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.