A- A+
Esteri
Onu, la Palestina nella Corte penale dal 1 aprile

Il segretario generale delle Nazioni unite Ban Ki-moon ha annunciato che la Palestina accedera' alla Corte penale internazionale il 1 aprile. Lo si legge sul sito dell'Onu. La mossa permetterà ai palestinesi di perseguire accuse di crimini di guerra contro Israele. L'Anp ha depositato venerdi' scorso i documenti per accedere a 14 convenzioni e trattati tra cui il Trattato di Roma, che consente l'accesso alla Cpi. In una dichiarazione sul sito dell'Onu, Ban ha detto che "lo statuto per la Palestina entrera' in vigore il 1 aprile 2015", sottolineando che sta agendo come depositario per i documenti di ratifica. La mossa palestinese ha attirato minacce di ritorsioni da Israele, che ha gia' congelato il trasferimento all'Anp di circa 100 milioni di euro di dazi doganali per rappresaglia all'iniziativa del presidente palestinese Abu Mazen, ed e' fortemente osteggiata dagli Usa come un ostacolo al raggiungimento di un accordo di pace israelo-palestinese.

Tags:
palestina
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
BMW XM, alte prestazioni a trazione elettrificata

BMW XM, alte prestazioni a trazione elettrificata

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.