A- A+
Esteri
Paragonò israeliani ai nazisti, si dimette ministro svedese

Un paragone decisamente troppo audace. Il ministro svedese per la Casa e lo Sviluppo urbano, che aveva accomunato gli israeliani ai nazisti, ha rassegnato oggi le dimissioni. La notizia è stata data dal capo del governo di Stoccolma. "Mehmet Kaplan ha rassegnato le sue dimissioni e io le ho accettate", ha spiegato Stefan Lofven durante una conferenza stampa congiunta con l'esponente di governo dimissionario.

Kaplan, che è nato in Turchia, da parte sua ha assicurato di opporsi "ad ogni forma di estremismo" ed ha ricordato la sua "lotta per i diritti umani, la democrazia e il dialogo". Militante ecologista, al governo dal 2014, Kaplan, 44 anni, era finito nell'occhio del ciclone dopo il rilascio questo fine settimana di un video che lo ritraeva impegnato in commenti polemici sulla politica israeliana nei confronti dei palestinesi.

Nel marzo 2009, nel corso di un dibattito sull'islamofobia organizzato da un'associazione somala, Kaplan, allora deputato, aveva parlato di "affinità" fra le persecuzioni degli ebrei nella Germania nazista del 1930 e la vita quotidiana dei palestinesi.

Tags:
sveziaparagonò gli israeliani ai nazisti
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.