A- A+
Esteri
Petrolio e gas, Xi Jinping fa il pieno tra Arabia Saudita e Mongolia

Gas dalla Mongolia e petrolio dall'Arabia Saudita: il doppio affare della Cina

La Cina fa il pieno di energia. Petrolio dall'Arabia Saudita e gas dalla Russia via Mongolia. Mentre il mondo è in altre faccende affaccendato, Pechino dimostra ancora una volta di saper approfittare di qualsiasi occasione. Dopo aver messo sotto controllo le proteste anti Covid con un improvviso allentamento delle restrizioni anti pandemia, Xi Jinping si è imbarcato per Riyad dove ha sottoscritto decine di accordi col principe Mohammad bin Salman. Ma incontra anche i leader regionali nel primo vertice tra Cina e paesi arabi, altro segnale della declinante influenza americana. Tutto questo non prima di aver chiuso altri accordi, stavolta sul gas, con la Mongolia. 

Andiamo con ordine. Il presidente cinese Xi Jinping è stato ricevuto giovedì dal principe Mohammed bin Salman al Palazzo al-Yamamah. Il ricevimento è avvenuto dopo che Cina e Arabia Saudita hanno firmato 34 accordi in materia di energia e investimenti, mentre Xi ha promesso di rafforzare il partenariato strategico globale con Riyad. L'agenzia di stampa saudita ha riferito che le aziende cinesi e saudite hanno firmato decine di accordi - riguardanti l'energia verde, la tecnologia dell'informazione, le infrastrutture e la salute - mercoledì, quando Xi ha iniziato la sua visita di Stato in Arabia Saudita.

Il valore totale dei 34 accordi non è stato rivelato. Ma l'agenzia ha riferito in precedenza che i due Paesi avevano l'obiettivo di firmare 20 accordi preliminari per un valore di 29,26 miliardi di dollari. Il ministro dell'energia saudita Abdulaziz bin Salman ha inoltre annunciato un piano per la creazione di un centro regionale per le fabbriche cinesi, al fine di potenziare ulteriormente le catene di approvvigionamento energetico. "Il Regno dell'Arabia Saudita ha forti e strette relazioni strategiche con la Cina in molti campi, il più importante dei quali è l'energia", ha dichiarato l'agenzia di stampa saudita. "Il Regno dell'Arabia Saudita rimarrà il partner credibile e affidabile della Cina in questo campo".

Il legame sempre più stretto fra Xi Jinping e bin Salman

Il petrolio è sempre al centro di tutto. La Cina è il principale partner commerciale dell'Arabia Saudita, con scambi bilaterali per 87,3 miliardi di dollari nel 2021. Inoltre, l'Arabia Saudita è il primo fornitore di petrolio della Cina, con il 18% degli acquisti totali di greggio della Cina, con importazioni per un totale di 73,76 milioni di tonnellate nei primi 10 mesi del 2022, per un valore di 55,52 miliardi di dollari, secondo i dati delle dogane cinesi.

L'anno scorso le importazioni di petrolio sono state pari a 87,56 milioni di tonnellate, per un valore di 43,9 miliardi di dollari, rappresentando il 77% del totale delle importazioni cinesi di merci dall'Arabia Saudita. L'azienda statale Saudi Aramco ha stipulato accordi di fornitura annuali con una mezza dozzina di raffinerie cinesi, tra cui Sinopec, CNPC, CNOOC, Sinochem, Norinco e la raffineria privata Zhejiang Petrochemical Corp.

All'inizio del 2022 Aramco ha preso la decisione finale di investire nella costruzione di una raffineria e di un complesso petrolchimico da 10 miliardi di dollari nel nord-est della Cina, segnando il suo più grande investimento in Cina. Denominata Huajin Aramco Petrochemical Company, la joint venture raggruppa Aramco, Huajin Chemical Industries Group Corporation - un'unità del conglomerato della difesa Norinco - e Panjin Xincheng Industrial Group.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
arabia sauditagaspetrolioxi jinping





in evidenza
Chiara Ferragni da Fazio: "Travolta dall'odio social. Con Fedez vera crisi, ma..."

L'intervista sul Nove

Chiara Ferragni da Fazio: "Travolta dall'odio social. Con Fedez vera crisi, ma..."


in vetrina
Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista

Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista


motori
RAM Trucks & Pol Tarrés: avventure "Boundless"

RAM Trucks & Pol Tarrés: avventure "Boundless"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.