A- A+
Esteri
Riforma giustizia, migliaia di persone in strada a Tel Aviv. Sciopero medici
Proteste in Israele contro la riforma votata ieri dal Parlamento che impedirà alla Corte di bloccare decisioni "irragionevoli"

Israele, folla di gente in piazza contro l'ok alla riforma della giustizia 

La notte tra il 24 e il 25 luglio, migliaia di manifestanti sono scesi in strada a Tel Aviv per protestare contro l’approvazione da parte della Knesset della “clausola di ragionevolezza“, uno dei punti chiave della controversa riforma giudiziaria del governo di Benyamin Netanyahu. I manifestanti si sono scontrati con la polizia, che ha cercato di disperdere i dimostranti mettendo in azione gli idranti. 

Israele, scioperano anche i medici

Sciopero dei medici israeliani contro la riforma giudiziaria. La protesta di 24 ore è partita questa mattina, dopo una notte di caos con proteste e scontri fra polizia e manifestanti sia a Gerusalemme che a Tel Aviv. I camici bianchi lavorano oggi "in modalità shabbat", ovvero garantendo solo le emergenze come nel giorno del riposo ebraico, in un gesto che sottolinea la grave frattura nella società israeliana causata dalla contestata riforma giudiziaria voluta dal governo di Benyamin Netanyahu.

Dopo che ieri la Knesset ha approvato un primo provvedimento della riforma, volto a limitare i poteri della Corte Suprema di pronunciarsi sulle decisioni del governo, la scorsa notte una folla di manifestanti ha bloccato per ore Tel Aviv e Gerusalemme. In entrambe le città, riferisce Times of Israel, la polizia è intervenuta alle prime ore del mattino con idranti e reparti a cavallo per sgomberare la folla e vi sono stati almeno 33 arresti.

Intanto l'associaizone degli avvocati israeliani si è aggiunta ad una serie di Ong nel presentare ricorso alla Corte Suprema contro la nuova legge. Il provvedimento, viene sottolineato, altera l'equilibrio dei poteri, rendendo l'esecutivo "non soggetto al controllo giudiziario e permettendogli di governare senza limitazioni". Va registrata anche la posizione di Danny Yatom, ex capo dei servizi d'intelligence del Mossad, secondo il quale il ministro della Difesa Yoav Gallant, che aveva invano tentato una mediazione, avrebbe dovuto dimettersi dopo l'approvazione della legge.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
giustiziatel aviv





in evidenza
Villa da sogno in vendita a Casalpalocco: è dell'ex portiere dell'As Roma Patricio

Ecco quanto vale l'immobile

Villa da sogno in vendita a Casalpalocco: è dell'ex portiere dell'As Roma Patricio


in vetrina
Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio

Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio


motori
Maserati TRIDENTE: lusso e innovazione full-electric sull’acqua

Maserati TRIDENTE: lusso e innovazione full-electric sull’acqua

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.