A- A+
Esteri

In Russia il nuovo manuale unico di storia, fortemente voluto dal Cremlino, conterra' anche una sezione dedicata all'era di Vladimir Putin: a scriverlo e' oggi il quotidiano 'Izvestia', che cita fonti interne al ministero dell'Istruzione. Secondo il giornale, gia' la prossima settimana il dicastero rendera' pubblica la concezione del nuovo libro di testo, sul quale gli alunni russi studieranno la storia del Paese fino alle ultime elezioni presidenziali dell'anno scorso e non piu' fino al 2000, come avviene oggi.

L'iniziativa del manuale unificato, ordinata da Putin lo scorso febbraio ma di cui si parla gia' dal 2007, ha raccolto numerose critiche nel mondo scientifico, e le stesse fonti citate da 'Izvestia' ammettono che ci sono state "molte discussioni e dubbi" sul prolungamento fino al 2012 del periodo di studio della storia nazionale. A detta di alcuni storici, valutare e analizzare gli ultimi tredici anni e' ancora prematuro. Altri hanno suggerito di fermarsi al 2000, e di preparare poi una sezione a parte sull'epoca Putin dove elencare i fatti, ma senza interpretazioni. Le agenzie di stampa russe ricordano che in giugno sia il ministro dell'Istruzione sia quello della Cultura avevano espresso la necessita' di fissare al 2000 il limite di tempo nello studio della storia nazionale. Non appare quindi chiaro se al riguardo ci sia stato un intervento diretto del presidente. L'ipotesi e' stata esclusa dal portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, il quale ha garantito che Putin non ha alcuna intenzione di intromettersi nel lavoro degli storici e degli insegnanti. "Lasciate che siano i professionisti a decidere come sara' questo manuale, e se serva includervi il periodo di governo dell'attuale presidente", ha tagliato corto lo stesso Peskov.

Il capo dello Stato russo, che ha chiesto anche di ricevere entro il primo novembre proposte sul nuovo libro di testo, aveva denunciato come "assolutamente inammissibile" il numero di manuali di storia in uso nelle scuole della Federazione, salito da 41 a 65 dall'inizio dell'anno scorso. "Deve esserci, senza dubbio, una versione canonica del libro di testo", aveva ammonito Putin alcuni mesi fa, aggiungendo che gli insegnanti "debbono comunque avere la possibilita' di informare gli studenti sull'esistenza di varie opinioni circa un fatto o l'altro". Il leader del Cremlino si aspetta che il manuale unificato "sia privo di interpretazioni che confondono, e infonda il rispetto per tutti i periodi della storia" nazionale. L'iniziativa, fanno notare gli analisti, rientra nella piu' vasta politica di Mosca di creare una forte identita' nazionale, basata da una parte sui valori cristiani e dall'altra sulla vittoria nella II Guerra Mondiale, chiudendo invece un occhio sui crimini e le atrocita' dell'epoca sovietica. Secondo un sondaggio pubblicato ad agosto da Vtsiom, il Centro per l'Opinione Pubblica, il 58 per cento dei russi si sono detti favorevoli al manuale di storia unificato, mentre il 16 per cento hanno espresso parere contrario.

Tags:
scuolaputinrussia
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra

Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.