A- A+
Esteri

Un attacco con armi chimiche sarebbe stato condotto dalle forze del regime siriano contro i ribelli a Jobar, alle porte di Damasco. E' quanto denunciano due inviati francesi di Le Monde dalle pagine del quotidiano. "Quando i combattenti dell'Esercito libero siriano capiscono di essere stati esposti a sostanze chimiche da parte delle forze governative e' troppo tardi", scrivono i due giornalisti, spiegando che in questa circostanza sono stati usati "non semplici gas lacrimogeni ma prodotti molto piu' tossici". I due inviati hanno anche spiegato che i sintomi manifestati dalle persone coinvolte sono stati tosse violenta, bruciore agli occhi, pupille contratte all'estremo calo della vista, difficolta' respiratorie vomito e svenimenti. Il tutto e' stato preceduto da un'esplosione simile a quella di un colpo di mortaio, ma senza effetti visivi. "Nessun odore, nessun fumo, neanche un sibilo, ma poi cominciano gli effetti".

Tags:
jobarsiria
in evidenza
Astrid, la sexy tifosa del Chelsea ora va in gol su Onlyfans

Foto da... ko tecnico!

Astrid, la sexy tifosa del Chelsea ora va in gol su Onlyfans


in vetrina
ASPI continua l'ammodernamento: attivo il Road Zipper System

ASPI continua l'ammodernamento: attivo il Road Zipper System


motori
FOCUS2R: due ruote sempre più protagoniste

FOCUS2R: due ruote sempre più protagoniste

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.