A- A+
Esteri

Per la prima volta in tre anni di guerra seduti l'uno di fronte all'altro, i nemici siriani hanno mostrato quanto sara' lungo e difficile il cammino verso la pace. Invitati a Montreux per cogliere la "storica opportunita'" del tavolo della pace, nella giornata inaugurale della cosiddetta Ginevra 2 -la conferenza di pace che rappresenta lo sforzo piu' corposo messo in campo dalla diplomazia per dare una soluzione al sanguinoso conflitto- sotto gli occhi del mondo hanno gridato il loro odio.

Il segretario generale dell'Onu, Ban ki-moon, aveva aperto i lavori con un appello a mettere da parte le differenze per "rendere un servizio al popolo siriano". E invece l'opposizione, arrivata a Montreux con un solo obiettivo, ha dichiarato subito che Assad e i suoi uomini se ne devono andare; gli emissari del regime hanno risposto he il rais rimarra' al suo posto, e che anzi quella e' una 'linea rossa' invalicabile. E' stato un botta e risposta andato in scena in diretta. Il ministro degli Esteri, Walid Wuallem, ha accusato l'opposizione di essere "traditori" e agenti al soldo di potenze straniere, le monarchie sunnite del Golfo, mai nominate, che "usano i petroldollari per comprare le armi" e che vogliono mettere in ginocchio la Siria; l'opposizione ha tuonato che quel che sta accadendo ricorda l'orrore dei crimini nazisti e ha chiesto alla delegazione siriana di firmare subito il piano internazionale per la transizione del potere, in pratica un appello alla diserzione.

Quel che si e' visto al Montreux Palace, sulle rive del Lago Lemano, e' il presagio di un processo che -come dice Emma Bonino- sara' sicuramente tutto in salita, "un cammino duro, lungo e a tratti anche conflittuale". Ma lei non si e' lasciata impressionare: "Una discussione cosi' esplicita e' un dato positivo", ha commentato in una pausa dei lavori, parlando ai giornalisti, "le mezze parole non portano da nessuna parte e non mi aspettavo un inizio diverso". Anche perche' la via negoziale e' "l'unica possibilita', un filo conduttore che dobbiamo continuare a sostenere con grande determinazione". Straripante Muallem, protagonista di un discorso-fiume che neanche Ban Ki-moon, e' riuscito a limitare ai 10 minuti concessi ad ogni oratore: "Loro sostengono di rappresentare il popolo siriano, ma se vogliono parlare a nome dei siriani, non dovrebbero essere traditori, agenti al soldo dei nemici", ha tuonato, facendo un agghiacciante resoconto delle atrocita' commesse dai "terroristi" appoggiati dai Paesi arabi e occidentali, tutti presenti anch'essi nella stanza. L'opposizione ha chiesto ispettori internazionali che possano documentare nei luoghi di detenzione le torture commesse. Sono volate parole forti, dunque, ma almeno i due contendenti hanno cominciato a parlarsi: "Sono stati seduti nella stessa stanza, ed e' stata la prima volta i tre anni, un risultato storico", come ha detto Ban. Adesso, a partire da venerdi' prossimo si comincia a negoziare, nei tavoli tecnici a Ginevra, con la mediazione dell'inviato di Onu e Lega Araba, Lakhdar Brahimi. Il diplomatico algerino ha dovuto ammettere di non sapere ancora come procedera': domani incontrera' separatamente le due delegazioni, forse capira' se potra' rivederli venerdi' insieme in una stessa stanza oppure ancora separatamente.

Loro, i siriani, in chiusura di giornata, dopo le parole forti hanno mostrato toni piu' concilianti: "Nonostante i ritornelli e le ripetute accuse, non ce ne andiamo", ha detto Wuallem. "Abbiamo sofferto troppo, ora e' tempo di negoziare", gli ha fatto eco Jarba. Non e' chiaro quali saranno i primi passi. Ban Ki-moon, e la Bonino con lui, hanno chiesto si parta dal dramma umanitario: cessate-il-fuoco anche locali per proteggere i civili, per portare cibo, farmaci e aiuti alle popolazioni stremate, per far uscire dalle zone assediate donne e bambini siriani stremati da quasi tre anni di guerra.

In chiusura l'ambasciatore del regime di Damasco all'Onu, Bashar Jaafari, ha provato ad ostacolare qualsiasi tentativo. Prima ha espresso "la delusione" a nome del il regime per il formato con cui si e' tenuto il confronto di Montreux: "abbiamo avuto 40 Paesi apparentemente pre-selezionati in un modo che molti di loro fossero delegazioni anti-siriane, ossia rappresentanti di governi che hanno adottato politiche ostili verso il governo siriano". Non solo Jaafari ha sottolineato che il regime ha bisogno di segnali di incoraggiamento per impegnarsi "nel sincero ed onesto" applicazione dell'accordo di Ginevra 1 (raggiunto il 30 giugno del 2012 ma mai entrato in vigore) aggiungendo che un accordo politico non puo' essere raggiunto "mano nella mano con terroristi", la dizione con cui da sempre il regime di Assad ha definito l'opposizione.

Il nodo resta paradossalmente l'intesa del 30 giugno 2012 che prevederebbe un si' ad una transizione - in teoria con Assad, per la delegazione siriana, e rigorosamente senza per l'opposizione. Una parte lasciata a suo tempo volutamente nel vago nella speranza che prima si partisse dal cessate il fuoco, mai iniziato, e poi si potesse iniziare a trattare sul futuro.

Tags:
siria
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.