A- A+
Esteri
Meriam rischia di essere frustata. La cristiana perseguitata dall'Islam

"Meriam potrebbe essere frustata anche se la sentenza non e' ancora esecutiva: a lanciare l'allarme sono i suoi avvocati che hanno chiesto tutto l'aiuto possibile per contiunare la battaglia legale a difesa della loro assistita". Cosi Antonella Napoli, presidente di Italians for Darfur, sulla pagina Facebook dell'associazione, aggiornando sul caso di Meriam Yahia Ibrahim Ishag, la donna cristiana condannata a morte per apostasia. "Gli avvocati del Sudan justice center ci hanno raccontato che pur avendo presentato un ricorso - racconta Napoli - se il nuovo verdetto non arrivasse entro due settimane a Meriam saranno inflitte le 100 frustate per adulterio a cui e' stata condannata, oltre che all'impiccagione, lo scorso 15 maggio. E' per questo che rilanciamo la loro richiesta di aiuto a sostenere con piccole donazioni la loro azione affinche' possano continuare a pagare le spese legali estremamente onerose in un paese come il Sudan".

"Bisogna fare presto - conclude la presidente di Italians for Darfur - e aumentare le pressioni sul governo sudanese. Sia Meriam che suo figlio, hanno raccontato gli avvocati, hanno contratto varie malattie a causa della scarsa igiene in carcere. E ora che c'e' anche Maya, che ha solo quattro giorni, i rischi sono ancora piu' elevati: ci sono stati decine di casi di morte di neonati nella prigione di Omdurman".

Tags:
sudan
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.