A- A+
Esteri
Svezia, bruciata un'altra moschea. "Islamofobia"

Un incendio è divampato nelle sale adibite a moschea di un edificio di Eslov, nel sud della Svezia, nel secondo episodio di questo tipo in meno di una settimana. Secondo quanto afferma la stampa svedese, alle 03:15 di oggi i pompieri sono dovuti intervenire perché le fiamme si stavano propagando agli altri locali della moschea dopo che sconosciuti - secondo una prima ricostruzione - hanno fatto filtrare liquido infiammabile all'interno. Solo quattro giorni fa, nel giorno di Natale, una moschea frequentata da una settantina di persone, era andata quasi completamente distrutta causando il ferimento di cinque persone. Sconosciuti avevano lanciato all'interno attraverso una finestra una bottiglia molotov. Subito era scattata una mobilitazione di solidarietà e cuori rossi e fiori erano stati appesi alle porte semidistrutte del locale. ''Non c'è alcuna possibile spiegazione di quanto accaduto... il fuoco non si sprigiona da solo'' ha detto il portavoce dei vigili del fuoco, mentre l'imam locale, Samir Muric, ha aggiunto: ''Questa la chiamo islamofobia. Io vivo qui vicino e questa situazione sta cominciano a diventare pericolosa''. L'imam si è scagliato contro gli autori di quello che ha definito un attentato: ''Pensate a tutte le persone che abitano sopra alla moschea, pensate a cosa hanno rischiato, pensate a come sono spaventate. E nonostante ciò c'è ancora gente che viene in moschea sfidando gli atti di vandalismo e la paura''. Le azioni di intolleranza ai danni di stranieri e simboli religiosi islamici si sono moltiplicati nell'ultimo anno in Svezia, Paese sempre considerato campione di tolleranza e accoglienza, grazie anche alla straordinaria avanzata alle ultime elezioni dei populisti anti-immigrati, i Democratici Svedesi. Il governo guidato dal socialdemocratico Stefan Lofven aveva subito all'inizio del mese una sconfitta politica consistente tanto che erano state convocate elezioni anticipate in primavera. Solo tre giorni fa Lofven è riuscito a mettere insieme una Grande coalizione in grado di isolare i DS, in modo da poter revocare il voto anticipato. Ma il problema dell'immigrazione dovrà comunque restare in cima all'agenda del primo ministro.

Tags:
sveziamoschea
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.