A- A+
Esteri
No al referendum anti-immigrati: 74%. Dalla Svizzera altolà alla destra

All'ottava volta in cui, in poco meno di mezzo secolo, gli svizzeri si ritrovano a dover votare sugli stranieri, decidono di infliggere una sonora batosta a chi voleva limitare, in modo estremamente rigido, l'immigrazione. Oggi escono scornati, dalle urne, gli estremisti ambientalisti di Ecopop, l'iniziativa popolare, in sostanza un referendum propositivo, che chiedeva non più dello 0,2 per cento di nuovi immigrati all'anno, oltre alla destinazione di parte dell'aiuto allo sviluppo al controllo delle nascite nel terzo mondo, per preservare l'ecosistema della Confederazione.

Il 73 per cento di chi ha votato ha respinto l'iniziativa ritenendola, oltre che eccessiva, dannosa per l'economia. "E' stato un Ecoflop", il commento pungente, rilasciato alla versione online del quotidiano Blick, dal politologo Michael Herman. Sul no ha pesato la posizione contraria di Christoph Blocher, il leader della destra elvetica, il quale peraltro era stato l'artefice di un'iniziativa dai contenuti analoghi, che denunciava l'accordo di libera circolazione con l'Ue, e che venne approvata lo scorso 9 febbraio, all'insegna dello slogan "stop al l'immigrazione di massa". "Siamo stati vittime di una campagna terroristica", ha denunciato l'agricoltore Andreas Thommen, uno dei promotori di Ecopop.

Sempre oggi l'elettorato svizzero ha bocciato, per la seconda volta in due anni, un'altra iniziativa, questa volta appoggiata dalla sinistra, per abolire i forfait fiscali, ovvero gli accordi che diversi Cantoni stabiliscono con i ricchi contribuenti esteri che si stabiliscono in Svizzera, per pagare meno tasse. In questo caso il 61,6 per cento dei votanti ha detto no.

"Il fatto di aver raggiunto il 40 per cento dei consensi comunque dimostra che il forfait fiscale, per una parte importante della popolazione svizzera, è ingiusto", commenta il deputato socialista di Berna, Corrado Pardini. "Direi, però, che questa sconfitta è compensata dal fatto che una stragrande maggioranza di cittadini ha respinto l'iniziativa Ecopop, che avrebbe portato la Svizzera in una pericolosa situazione di isolamento economico e sociale", ci tiene a sottolineare Pardini. "A questo punto ci sentiamo più vicini all'Europa", aggiunge il parlamentare.

Dalle urne svizzere e' uscito anche un terzo no, anche questo inappellabile. Il 76,6 per cento degli elettori ha, infatti, bocciato un'altra iniziativa, quella denominata "Salvate l'oro della Svizzera", in base alla quale la banca centrale elvetica avrebbe dovuto conservare, fisicamente, tutte le riserve aurifere del Paese che, per il 30 per cento, sono ora depositate all'estero. Se fosse stata accolta, i timori di molti economisti, il mercato mondiale dell'oro, attualmente in difficoltà, ne sarebbe uscito gravemente destabilizzato.

Tags:
svizzera
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.