A- A+
Esteri

Non occorre ripetere, dopo le stragi di Parigi, gli errori degli anni '80, quando molti intellettuali progressisti definivano gli spietati brigatisti rossi, che uccidevano e gambizzavano, "compagni che sbagliano», e i loro ideologhi  «cattivi maestroni» anziché «maestri di assassini».

A destra, soprattutto Salvini, la Meloni, il furioso Del Debbio,  sono della serie “armiamoci e partite !”. Rappresentanti di una destra non dignitosa, come quella di Madame Le Pen, in Francia, ma parolaia, da bar, che sembra uscita dai personaggi più vili, interpretati, da par suo, da Albertone Sordi.
All'estrema sinistra, vi è il pacifismo, altrettanto aggressivo, e senza se e senza ma, di Gino Strada e compagni.

Matteo Renzi ha trovato una buona misura delle cose. È deciso e prudente, si ispira, e dovrebbe farlo anche Hollande, alla "force tranquille" di Francois Mitterrand e alla prudenza felpata di Aldo Moro.

Ieri, intanto, lo scrittore e regista francese, Michael Houellebecq, ha sentenziato :

"È assai improbabile che l'insignificante opportunista, che occupa la poltrona di Capo di Stato, come pure il ritardato congenito, che svolge le funzioni di primo ministro, escano con onore dall'esame della situazione nella quale ci ritroviamo".

La democrazia si differenzia dalle dittature perché consente le critiche, anche quelle più violente, ai governanti. Nè possiamo pretendere che Houellebecq la pensi come Stephen Decatur, ufficiale della Marina statunitense, all'epoca della nascita della nazione americana : "Right or wrong, it is my country !".
Ma, nelle fase più drammatiche, come l'attuale, sugli attacchi e sulle impietose, quasi irridenti analisi degli errori, certamente compiuti, dai governanti, non solo in Francia, dovrebbero prevalere- per tentare di fronteggiare, con efficacia, il terrorismo-la compostezza, nelle parole e nelle azioni, e la maggiore solidarietà realizzabile tra i popoli e gli esecutivi.
E, dunque, alle tanto feroci, quanto intempestive, censure di Houellebecq ai nocchieri della Francia sotto la bufera, sono da anteporre le commoventi parole con le quali la prima cittadina di Parigi, Madame Anne Hidalgo, socialista, "a nome di una città a lutto", si è rivolta ai terroristi, che "detestano la nostra vita", che "hanno cercato di abbattere le nostre libertà".
I parigini, però- e gli europei, lo auspichiamo-non faranno loro "l'onore della paura, nè della collera".

 

Tags:
terrorismo
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.