A- A+
Esteri
“Tqila”, la brigata gay che combatte l'Isis

Si chiama “Brigata Tqila” ed è composta da stranieri gay che combattono contro i jihadisti dello Stato Islamico (Isis) nella loro ‘capitale’ siriana Raqqa. La nuova formazione, è nata in questi giorni dopo tre anni di persecuzione in cui la comunità di omosessuali nella terra del Califfato nero ha subito, torture, esecuzioni con fucili ma anche attraverso il lancio dai tetti degli edifici, come riportano i media locali.

Si tratta di un gruppo di volontari internazionali che combattono con le forze curde-siriane contro l’ISIS nel nord della Siria. Secondo quanto riporta oggi la tv satellitare curda, gli stessi promotori hanno annunciato su Twitter la nascita della loro prima unità LGBT per combattere il gruppo jihadista.

“Dentro i quartieri di Raqqa, questi f… uccidono i fascisti”: recita la frase scritta su uno striscione portato da alcuni combattenti in una foto postata su Twitter.

In una seconda dichiarazione postata dal gruppo su Twitter si afferma che i suoi membri “cercano di rompere la divisione di genere e di far avanzare la rivoluzione femminile, nonché la rivoluzione sessuale”.

Tags:
gay isis
in evidenza
Elisabetta Canalis senza reggiseno: Instagram la leva

FOTO CENSURATA

Elisabetta Canalis senza reggiseno: Instagram la leva


in vetrina
Scatti d'Affari Brera Cicli, Gruppo Mandelli: al via rebranding e nuovo sito

Scatti d'Affari
Brera Cicli, Gruppo Mandelli: al via rebranding e nuovo sito


motori
Il Carroziere Calesani trasforma una Citroen Berlingo in una 2CV Furgonette

Il Carroziere Calesani trasforma una Citroen Berlingo in una 2CV Furgonette

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.