A- A+
Esteri
Trump, si allarga lo scandalo Russiagate. Incontri segreti del genero-advisor

Trump: anche genero-advisor Kushner vide ambasciatore russo

Si allarga a macchia d'olio il ciclone Russiagate, cioe' le relazioni tra Donald Trump e Mosca. Oltre all'ex consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn, e al ministro della Giustizia, Jeff Sessions, anche Jared Kushner, advisor e genero del presidente, ha incontrato l'ambasciatore russo a Washington, Sergey Kislyak. Lo ha confermato la Casa Bianca, precisando che l'incontro si e' svolto nella Trump Tower di Manhattan, lo scorso dicembre, dunque dopo le elezioni, a differenza di quanto non sia avvenuto per Flynn, costretto alle dimissioni lo scorso 13 febbraio, e per Sessions, che ha annunciato l'intenzione di astenersi da ogni indagine sul Russiagate ma non di dimettersi come reclamano i democratici.

Altri due consiglieri di Trump a colloquio coi russi

La Casa Bianca ha confermato che all'incontro di Kushner con Kislyak ha partecipato anche Flynn. Secondo Usa Today, almeno altri due consiglieri della campagna di Trump parlarono con l'ambasciatore di Mosca a margine della convention repubblicana di Cleveland lo scorso luglio. Si tratta di J.D. Gordon, un altro advisor dell'allora candidato repubblicano, e Carter Page, membro del suo team per la sicurezza nazionale. Page, in un'intervista alla Msnbc ha confermato di aver incontrato il diplomatico. "Non lo nego", ha dichiarato.

Trump: vicepresidente Pence da governatore uso' mail privata

Il vice presidente degli Stati Uniti, Mike Pence, ha usato una email personale 'aol' per affari di stato mentre era governatore dell'Indiana. Lo riporta l'Indianapolis Star precisando che quell'account venne pure hackerato tanto che tutti i suoi contatti ricevettero un messaggio nel quale si diceva che Pence e la moglie erano stati aggrediti nelle Filippine e che avevano perso soldi, carte di credito e telefoni cellulari. "Pence rispose inviando una email a tutti coloro che avevano ricevuto quel falso messaggio scusandosi per l'inconveniente", scrive l'Indianapolis Star, segnalando che gli hacker hanno avuto accesso anche ai suoi messaggi inviati e ricevuti. Durante la campagna elettorale, Pence aveva accusato la democratica Hillary Clinton di essere "la candidata presidenziale piu' disonesta della storia" per aver usato un server di email privato mentre era segretario di Stato. L'Indianapolis Star riporta che Pence ha usato la sua email privata per parlare con i suoi consiglieri di questioni relative alla sicurezza della sua residenza da governatore, degli sforzi per impedire l'insediamento di rifugiati siriani ed ha perfino ricevuto un aggiornamento dell'Fbi, tramite un suo advisor, "sull'arresto di usa serie di uomini accusati di collegamenti con il terrorismo". La legge dell'Indiana non impedisce l'utilizzo di email private ai funzionari pubblici ma impone che tutte le comunicazioni di stato vengano registrate e rese pubbliche se richiesto. Pence ha replicato all'Idianapolis Star con una nota nella quale afferma che tutte le sue email governative sono state gestite ed archiviate "in linea con la legge" dell'Indiana

Tags:
donald trumptrump russiagaterussiagate usa
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.