A- A+
Esteri
Usa, lite tra Trump e un giudice dalla Corte Suprema

Aspra, inusuale guerra di parole tra un giudice della Corte Suprema americana e l'ormai certo candidato repubblicano alle presidenziali, Donald Trump. Con un'uscita che non ha precedenti da parte di un magistrato della piu' alta Corte del Paese, Ruth Bader Ginsburg, 82 anni, esponente dell'ala progressista, ha detto che Trump e' un "impostore" e ha criticato la stampa per non averlo pressato di piu' perche' pubblicasse la propria dichiarazione dei redditi. Immediata la risposta di Trump che ha definito le sue parole "altamente inappropriate", ha aggiunto che la sua "testa se n'e' ormai andata" e l'ha invitata a dimettersi "quanto prima" (la nomina di un giudice alla Corte Suprema e' invece a vita). L'aspro duello non ha praticamente precedenti. "Di solito l'interazione piu' ravvicinata tra la Corte e il mondo politico avviene durante il Discorso sullo Stato dell'Unione, quando i nove giudici siedono impassibili" negli scranni tra quelli che applaudono o contestano il discorso del presidente di turno, osserva il Washington Post. "E' un impostore. Non ha consistenza. Dice la prima cosa che gli salta in mente. Ha molto ego. Come ha potuto andare avanti senza rendere pubblica la dichiarazione dei redditi? La stampa mi pare sia stata molto dolce con lui", ha detto la Ginsburg alla Cnn. Ma la sua polemica era cominciata nel week end, quando aveva confessato al New York Times di non poter immaginare come sarebbero gli Usa in caso Trump vincesse le elezioni presidenziali. Prima di risponderle per le rime su Twitter, Trump ha detto, sempre al New York Times, che considera "molto poco appropriato che un giudice della Corte Suprema americana si coinvolga in una campagna politica", che e' "un disonore per la Corte" e che la Ginsburg dovrebbe chiedere scusa ai suoi colleghi. Lo 'strappo' e' forte perche' nel caso Trump venisse eletto, Ginsburg potrebbe essere chiamata a giudicare politiche e misure del magnate repubblicano alla Casa Bianca (ma dopo le sue parole, sarebbe inevitabile mettere in dubbio la sua imparzialita'); e potrebbe anche essere chiamata a decidere su eventuali ricorsi in caso di anomalie durante il processo elettorale. I repubblicani sono insorti: il leader della maggioranza al Senato, Mitch McConnell, ha definite i suoi giudici "del tutto inappropriati". Ginsburg e' stata nominata nella Corte Suprema nel 1993 dall'allora presidente Bill Clinton, marito di quella che sara' la candidata democratica alla Casa Bianca; e negli ultimi anni e' stata la piu' accesa portavoce delle cause considerate progressiste.

Tags:
donald trumptrump corte supremacorte suprema trump litetrump usa corte suprema
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.