A- A+
Esteri
Tunisia, i morti italiani salgono a 4. Isis: "Schiacciato un crociato italiano"

L'Isis ha rivendicato l'attentato al Museo del Bardo di Tunisi, annunciando che e' solo "la prima goccia di pioggia". I miliziani del Califfato hanno "ucciso e ferito decine di crociati e apostati" in Tunisia, portando "il terrore nei cuori dei miscredenti" e prendendo in ostaggio "un gruppo di malvagi cittadini dei Paesi crociati", ha scritto l'Isis su Twitter. "Quello che avete visto", hanno minacciato, "e' solo l'inizio". La Tunisia e' sotto choc il giorno dopo l'attentato piu' feroce mai compiuto nella capitale.

L'ultimo bilancio e' di 21 morti, oltre ai due terroristi, e 47 feriti. Tra le vittime, almeno 18 erano turisti stranieri, a cui vanno aggiunti un agente delle forze di sicurezza, un autista di pullman e un'addetta alle pulizie del museo. Le vittime italiane sono quattro: oltre ai due la cui morte e' stata accertata, altri due corpi sono stati riconosciutri dal personale dell'ambasciata italiana a Tunisi e dell'Unita' di crisi del ministero degli Esteri inviato a Tunisi che hanno avuto accesso all'obitorio dell'ospedale Charles Nicolle. E' stato cosi' effettuato un primo riconoscimento fotografico dei due italiani che finora risultavano irreperibili. Sara' tuttavia necessario, per poter dichiarare il decesso dei due connazionali, procedere ancora ad un atto formale di riconoscimento da parte dei familiari, alcuni dei quali sono attesi a Tunisi nelle prossime ore. Altri due italiani, di cui non si avevano notizie, sono stati ritrovati e uno di loro e' ferito in modo grave.

Una coppia spagnola di Valencia, che era data per dispersa, e' in realta' rimasta nascosta per 24 ore nei pressi del museo. L'attacco e' stato il piu' grave compiuto in Tunisia, dopo l'attentato alla sinagoga di Djerba, nel 2002. E la Tunisia, che dopo esser stata la culla delle primavere arabe si era imposta come modello di stabilita' e apertura nel mondo arabo, adesso stringe i ranghi. Mentre il presidente Beji Caid Essebsi dice che il Paese e' "in guerra" per sradicare il terrorismo, sono state arrestate 9 persone: 4 direttamente collegate al massacro, 5 sospettate di avere legami con la cellula terroristica. I due attentatori sono stati identificati come Yassine Laabidi, originario di Ibn Khaldoun, e Hatem Khachnaoui, di Kasserine, sparito da tre mesi.

La sorella e il padre e di Khashnaoui sono stati arrestati dalla polizia nella loro abitazione di Sbiba. Il premier tunisino, Habib Essid, ha rivelato che uno dei terroristi era gia' noto ai servizi d'intelligence. Prima della rivendicazione dell'Isis, un account Twitter legato allo Stato islamico aveva pubblicato la foto di una delle vittime italiane: "Questo crociato e' stato schiacciato dai leoni del monoteismo", recitava il post jihadista. Per quanto riguarda l'Italia, e' in "massima allerta", ma "non si hanno notizie di minacce specifiche: la minaccia e' globale", ha spiegato Gentiloni, "non dobbiamo trarre conclusioni ne' di tipo allarmistico, ne' irragionevole. E non dobbiamo rinunciare alle nostre liberta'.

Tags:
tunisiamortistrageferitiitaliani
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.