A- A+
Esteri
Tunisi, strage di turisti al museo. Anche due italiani uccisi

E' di almeno 19 morti, tra cui tre terroristi, e 21 feriti il bilancio dell'attacco terroristico al Museo del Bardo concluso con un blitz delle forze di sicurezza tunisine. Gli agenti sono riusciti a liberare decine di ostaggi dopo che ventidue erano stati uccisi da due uomini armati di kalashnikov in varie sale del museo. Due italiani sono rimasti feriti e insieme a un centinaio di connazionali sono stati portati al sicuro dalle forze dell'ordine, ha fatto sapere la Farnesina, precisando che sono ancora in corso verifiche con l'Unita' di crisi. Sei dipendenti che facevano parte di una comitiva di 34 avevano deciso di visitare il museo: due sono stati liberati, di quattro ancora non si conosce il destino.

Tra gli italiani potrebbero esserci passeggeri della nave da crociera Costa Fascinosa, che sta facendo scalo in Tunisia. La Costa ha confermato che "alcuni ospiti" della nava Fascinosa "hanno fatto un tour" di Tunisi e la compagnia "sta monitorando attentamente la situazione, dopo le notizie riportate dai media su un attacco terroristico".

Il portavoce del ministero dell'Interno tunisino, Mohammed al Aroui, ha confermato il numero di morti. Secondo fonti dei media locali, tra le vittime straniere ci sarebbero francesi, spagnoli, britannici e anche un italiano.

Secondo fonti della sicurezza, i terroristi, travestiti da soldati, hanno prima tentato di assaltare il Parlamento, ma sono stati respinti e hanno ripiegato sul museo dei mosaici che si trova nel palazzo accanto. L'Assemblea del popolo, dove in quel momento era in corso un'audizione del ministro della Giustizia, Mohammed Salah ben Aissa, sulla lotta al terrorismo, e' stata evacuata. Le forze tunisine "sono state dispiegate all'interno del museo" del Bardo, ha sottolineato al Aroui. Situato alla periferia ovest di Tunisi, il museo e' il piu' antico del mondo arabo.

E' noto per la piu' importante e ricca collezione di mosaici romani, tutti in perfetto stato di conservazione, del II-IV secolo. Il museo archeologico contiene anche reperti punici e opere del periodo cristiano della Tunisia. L'edificio si sviluppa su tre piani, nella fastosa residenza ufficiale dei bey husseiniti. Il museo accoglie ogni anno milioni di turisti stranieri e nel 2014 e' stato visitato da 252 mila italiani.

MATTARELLA - "Ho appreso con sgomento dell’attacco terroristico perpetrato oggi a Tunisi, che ha causato numerose vittime e molti feriti e nel quale sono rimasti tragicamente coinvolti alcuni connazionali. Esprimo, a nome mio personale e di tutto il popolo italiano, la più netta e ferma condanna per un gesto vile e odioso, commesso ai danni di persone inermi, in spregio alle più elementari norme di convivenza civile e rispetto della vita umana", ha dichiarato il presidente della Repubblica Sergio Mattarellanel 2014 e' stato visitato da 252 mila italiani.

Tags:
tunisiaparlamentoturistiostaggio terroristiitaliani
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
CUPRA Born,ordinabile in Italia

CUPRA Born,ordinabile in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.