A- A+
Esteri
La Turchia blocca l'accesso ai social network

Bloccato l'accesso in Turchia a Twitter, Facebook e YouTube e ad altre centinaia di siti. La decisione delle autorità, secondo quanto riferisce Hurriyet online, giunge dopo che i tre social media avevano pubblicato le foto del magistrato Mehmet Selim Kiraz, preso in ostaggio martedì scorso da due 'brigatisti' del Dhkp-C e poi ucciso nell'assalto delle teste di cuoio turche. Al Tribunale sarebbero giunte in proposito numerose denunce da parte di cittadini. Secondo Cnn Turchia, i servizi di Facebook stanno tornando alla normalità.
 
L'assalto al Tribunale. I fatti si riferiscono a martedì 31 marzo quando, per vendicare Berkin Elvam (il quindicenne colpito alla testa ad un lacrimogeno nel giugno 2013 durante le proteste anti-governative di Gezi Park e morto dopo mesi di coma) un commando armato legato al DHKP-C, una formazione di matrice marxista-leninista, ha preso d'assalto la sede del palazzo di Giustizia a Caglayan, sul versante europeo di Istanbul, e preso in ostaggio il procuratore, Kiraz, responsabile delle indagini. Nell'assalto delle teste di cuoio turche, sono morti i due terroristi. Poi, in seguito alle ferite riportate, anche il giudice. Il commando armato chiedeva che la polizia riconoscesse pubblicamente la sua responsabilità nella morte del quindicenne. Il gruppo aveva pubblicato una fotografia di Kiraz con una pistola puntata alla testa, minacciando di ucciderlo se le richieste non fossero state accontentate.
 
Le motivazioni. Il portavoce della presidenza, Ibrahim Kalin, ha detto che la procura ha voluto bloccare l'accesso ai siti dei social media perché alcune testate hanno agito "come se stessero facendo propaganda al terrorismo", nel condividere le immagini del magistrato sequestrato. "Ciò che è accaduto dopo (la morte del procuratore, ndr) è orrendo tanto quanto l'incidente in sé", ha aggiunto. La richiesta dell'ufficio della procura, ha spiegato ancora, "è che questa immagine non sia più usata in alcuna delle piattaforme elettroniche". "E' stato chiesto sia a Twitter sia YouTube di rimuovere le immagini e i post, ma non hanno accettato e non è stata data risposta. Ecco perché è stata presa la decisione attraverso la corte di Istanbul", ha proseguito.
 
Come nel 2014.  Il blocco dei social - ma in tutto 166 siti sono stati colpiti dall'ordine del tribunale - è una misura simile per ampiezza a quella presa un anno fa per impedire la diffusione delle denunce di corruzione contro il governo islamico-conservatore al potere. Allora la Turchia aveva temporaneamente bloccato Twitter e YouTube durante la campagna elettorale nel marzo 2014, all'indomani della pubblicazione sui siti social degli audio che testimoniano la presunta corruzione nell'entourage dell'allora primo ministro Tayyip Erdogan. Una decisione, questa, che aveva provocato un'ondata di proteste ed era stata stigmatizzata dalla comunità internazionale.
 
La Turchia è il paese che presentato richieste di rimozione di contenuti da Twitter cinque volte di più di qualsiasi altro nella seconda metà del 2014, rivelano i dati pubblicati nel mese di febbraio dallo stesso microblog. L'anno scorso Ankara ha blindato la legge che permette alle autorità di bloccare i siti.

Tags:
turchia
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona

SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.