A- A+
Esteri
Turchia al voto, Erdogan cerca legittimazione. Demirtas dal carcere...

Turchia al voto, Erdogan cerca nuova legittimazione

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan cerca una nuova legittimazione nelle elezioni presidenziali e legislative che si terranno domani, con un anticipo di 18 mesi sulla scadenza naturale. Il leader al potere da 15 anni punta a nuovo mandato con gli ampi poteri derivanti dalla riforma costituzionale presidenzialista, ma la sfida non e' facile: Erdogan accusa un calo di consenso in un Paese che patisce per il crollo della lira, la moneta nazionale, ai minimi storici. Il presidente sconta anche i timori dell'opinioni pubblica per le manovre economiche impopolari che inevitabilmente dovranno essere adottate nei prossimi mesi. Per recuperare elettori, Erdogan ha da un lato promesso la fine dello stato di emergenza proclamato il 22 luglio 2016, a una settimana dal fallito colpo di Stato, e dall'altro ha accarezzato gli umori nazionalisti della Turchia annunciando l'avvio di operazioni militari nel Nord Iraq, dove si trovano le montagne santuario dei separatisti curdi del Pkk. Erdogan si trova poi di fronte avversari solidi: il repubblicano Muharrem Ince e la 'lady di ferro' della destra Meral Aksener, capaci di usare con disinvoltura il suo stesso linguaggio, quello del populismo.

TURCHIA VOTO: DEMIRTAS, IL CANDIDATO DAL CARCERE INSIDIA ERDOGAN

E lo insidia, anche se una sua vittoria appare esclusa, Selattin Demirtas, leader del filo curdo Hdp, partito che lo ha scelto come candidato nonostante sia in carcere dal 4 novembre 2016. La candidatura di Demirtas ha riportato l'attenzione sulla detenzione di esponenti di partiti di opposizione, una macchia enorme per la Turchia e per Erdogan che stesso, che continua a definirli "terroristi" mentre a piu' di un anno dalla carcerazione ancora si attende la richiesta di rinvio a giudizio. In base ai dati raccolti dalla Foresight Danismanlik per conto di Bloomberg, Erdogan e' dato al 50,8%, quindi teoricamente vincente al primo turno, 20 punti avanti rispetto allo sfidante repubblicano Ince (Chp), al 30,1% ma in crescita, mentre Selattin Demirtas ha ottime chance di superare il 10%. Deludenti i dati riguardanti la Aksener, fondatrice del partito Iyi, che le stime danno all'8%, lontana dalle aspettative iniziali eppure protagonista di un'opposizione dura, che ha tolto voti ai nazionalisti alleati del presidente, messi ormai in minoranza. Con un margine di errore del 3,5%, in caso di secondo turno Erdogan vincerebbe comunque, ma senza un plebiscito.

Tags:
turchiaturchia votovoto turchiaerdoganerdogan voto turchia
in evidenza
Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

Stramare, nuova Diletta

Carolina, la musa del calcio
Regina della serie B in tv

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.