A- A+
Esteri

Il premier turco, Recep Tayyp Erdogan, e' andato al contrattacco nel quarto giorno di proteste di piazza contro il suo governo, proprio mentre arrivava la notizia dei primi due "martiri" della rivolta.

Si tratta di un giovane manifestante colpito da un colpo d'arma da fuoco alla testa ad Ankara, di cui e' stata dichiarata la "morte cerebrale", e di un ventenne attivista di sinistra che domenica a Istanbul e' stato investito da un taxi lanciato sulla folla durante l'occupazione di una super strada.

Prima di partire per una visita ufficiale in Marocco, confermata forse anche per dare un segnale di normalita', Erdogan e' tornato ad accusare "elementi estremisti" per i disordini a Istanbul e in altre citta' e ha escluso che quella in atto sia una "Primavera turca": "Il principale partito d'opposizione, il Chp, ha provocato i miei cittadini innocenti, quanti nell'informazione definiscono questa una 'primavera turca' non conoscono la Turchia". Il premier ha accusato i manifestanti di camminare "mano nella mano con il terrorismo".

Da Erdogan sembra pero' marcare una distanza il presidente, Abdullah Gul, che oltre a invitare alla calma i manifestanti ha in qualche modo legittimato la loro protesta affermando che il messaggio e' arrivato. "Democrazia non significa soltanto elezioni", ha dichiarato Gul, "i messaggi che sono stati mandati con buone intenzioni sono stati ricevuti". Il riferimento alle elezioni appare come una stoccata al premier, che aveva invitato gli scontenti a esprimere il loro dissenso "nelle urne". Nella notte si sono ripetuti scontri tra manifestanti e polizia in almeno tre citta': a Smirne, nell'ovest del Paese, bottiglie molotov sono state lanciate contro una sede del partito Akp al potere, e la tv ha mostrato le immagini di una parte dell'edificio in fiamme.

A Istanbul i manifestanti hanno eretto barricate mentre le strade intorno all'ufficio di Erdogan sono blindate dalla polizia. Ad Ankara la polizia e' intervenuta in un centro commerciale dove si erano rifugiati diversi manifestanti, arrestando diverse persone. Intanto l'instabilita' ha fatto perdere alla Borsa turca quasi il 7% e la lira turca e' scesa ai minimi degli ultimi 16 mesi.
 

Tags:
turchiaankaraerdogantwitter
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.