A- A+
Esteri
Attentati Parigi, è giallo sul tweet islamico di venerdì 13

Qualcuno decide di scrivere quello che a ritroso appare un oscuro presagio. E rilancia: «Noi come musulmani dobbiamo evitare queste idee». L'avvertimento chiosa con una frase che fa rabbrividire se riletta col senno di poi: «Noi amiamo il venerdì». Un venerdì che l'Europa non potrà più dimenticare.

Un messaggio pubblicato in mattinata. E ritwittato da profili social appartententi a simpatizzati Isis e militanti dell'estremismo religioso, almeno a giudicare dai commenti e dai video postati in rete. C'è chi lo twitta prima e chi dopo la strage. Alcuni di questi profili, inoltre, sono stati oscurati da Twitter stessa. Un universo di dichiarazioni di guerra contro Francia, Inghilterra e Usa e «contro tutti i nemici dell'Islam».

E così, quel messaggio di condanna alla superstizione, ha il sapore dello sfregio. Di chi forse già sapeva e ha atteso con impazienza il compiersi di una profezia criminale. Era Venerdì, anche il 13 ottobre, anno domini 1307. Durante le prime ore dell’alba in tutta la Francia scattava l’operazione del re: arrestare tutti i templari presenti sul territorio francese e sequestrarne i beni, che porterà alla messa al bando di 546 cavalieri.

Ma questa è solo una delle spiegazioni che legano la superstizione a Venerdì 13, che ha collezionato in epoca moderna la famosa saga di film horror. Per altri, invece, la jattura deriverebbe dal fatto che durante l'Ultima cena c’erano 13 persone e il tredicesimo era Giuda, l'uomo che tradì Gesù. Quanto al venerdì, sarebbe considerato infausto perché Cristo fu crocefisso in quel giorno. Un giorno nefasto non solo per i cristiani - secondo esperti di teologia - ma anche per i musulmani perché è il giorno in cui Adamo ed Eva mangiarono il frutto proibito, condannando l'umanità alla dannazione eterna.

Tags:
tweet
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.