A- A+
Esteri
Guerra a Kiev: 100 morti. Prigionieri 67 poliziotti. L'Ue media

Non regge la fragile tregua annunciata dalle autorita' ucraine. Nel centro di Kiev e' guerriglia tra manifestanti e polizia con lanci di molotov e colpi d'arma da fuoco. In poche ore si contano 100 morti, secondo la Cnn, accatastati in un hotel trasformato in obitorio.

Il premier polacco Donald Tusk ha riferito che il presidente ucraino Viktor Yanukovich, nei colloqui con i tre ministri degli Esteri di Francia, Germania e Polonia a Kiev, ha espresso la volonta' di convocare elezioni anticipate entro l'anno. Tusk ha aggiunto che i tre delegati Ue stanno lavorando alla stesura di un documento che fornisca qualche speranza di un accordo tra il governo e l'opposizione a partire dalla fine delle violenze.

Oltre alle sanzioni da mettere in campo "rapidamente", per risolvere la situazione in Ucraina l'Unione europea vuole continuare a "tentare un dialogo critico molto serrato, anche con la Russia", rimanendo in contatto con i tre ministri che stanno continuando gli incontri con governo e opposizione ucraina. Lo ha detto il ministro Emma Bonino lasciando il Consiglio Ue, precisando che "la prima priorita' e' che il paese non esploda".

I destinatari delle sanzioni, ha aggiunto Bonino, saranno i responsabili delle violenze e in particolare, visto che "con il potere viene la responsabilita'", si puo' dire che quanto accade e' "responsabilita' del regime e del governo". Ma, ha aggiunto, "va pure riconosciuto che ci sono gruppi di estremisti e infiltrati di vario tipo" nelle file dell'opposizione e "non possiamo far finta di non vedere". La lista, secondo quanto si apprende, sara' messa a punto dai 28 rappresentanti diplomatici del Comitato politico e di sicurezza con il Servizio di Azione esterna di Catherine Ashton.

Come e' gia' accaduto in occasione di altre rivolte, come quella tunisina ed egiziana, e' su Twitter che circolano foto e notizie di quanto accade. L'account di 'max seddon' pubblica la foto di una fila di agenti catturati dai rivoltosi che, guidati da un prete, vengono trasferiti in un ospedale da campo. "Oltre 50 poliziotti sono stati catturati nell'edificio della compagnia statale dell'Energia vicino al municipio", scrive. Altre foto sembrano smentire l'asserzione del governo secondo cui le forze di sicurezza non hanno impiegato armi da fuoco. Christoper Miller pubblica lo scatto di un fotografo del Kiev Post in cui si vedono almeno sei agenti armati con mitragliette e fucili automatici e altri account riferiscono della presenza di cecchini sui tetti.

Nella capitale ucraina la situazione e' fuori controllo: la polizia ha invitato i residenti a non uscire di casa. "E' meglio limitare l'uso delle auto e stare semplicemente a casa. Queste misure di sicurezza sono necessarie perche' le strade di Kiev sono occupate da persone armate e aggressive", ha sottolineato il ministro dell'Interno. I tre leader dell'opposizione hanno accusato il presidente filo-russo Viktor Yanukovich di aver "pianificato provocazioni" per innescare gli scontri, mentre Mosca ha puntato il dito contro "estremisti" che vogliono provocare una "guerra civile" nel Paese.

Il sindaco di Kiev, uno dei 'fedelissimi' del presidente, Viktor Yanukovich, si e' dimesso dal suo partito per protestare contro "il bagno di sangue" in corso. "Gli eventi in corso a Kiev - ha affermato Volodymyr Makeyenko - sono una tragedia. Ho deciso di dimettermi dal partito e mi assumo personalmente la responsabilita' per assicurare i mezzi di sostentamento per la citta'". Almeno 20 atleti ucraini presenti a Sochi per partecipare ai Giochi olimpici stanno rientrando nel proprio Paese. Secondo quanto riferisce su Twitter Richard Conway della Bbc, alcuni, come la sciatrice Bogdana Matsotska e il suo allenatore, il padre Oleg Matsotskiy, lo hanno deciso "in segno di protesta contro le azioni banditesche verso i manifestanti".

Tags:
ucraina
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida

Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.