A- A+
Esteri

La Commissione europea adottera' i testi legislativi sulla proposta del piano di investimenti da 315 miliardi e sulla creazione del fondo per gli investimenti strategici nella riunione del prossimo 13 gennaio. Lo ha detto il presidente Jean-Claude Juncker al termine del Consiglio europeo.

Il Consiglio, ha spiegato Juncker, "ha approvato il piano di investimenti e ha precisato anche una cifra". "Per andare in una direzione - ha spiegato - bisogna esercitare pressioni e le conclusioni dicono che il fondo e' aperto ai contributi degli Stati membri tramite le banche nazionali o passando per la Banca europea degli investimenti: il principio e' scritto". Per il presidente della Commissione "il pacchetto e' stato accolto favorevolmente, nessuno ha chiesto di aumentarne il volume. Non e' stato approfondito il tema dei contributi nazionali perche' i progetti non sono ancora maturi, lo saranno a gennaio-febbraio". Juncker ha assicurato che "nessun paese ha escluso di partecipare alla raccolta di capitale del fondo". Dopo la presentazione della proposta il 13 gennaio, Juncker auspica che "i colegislatori lavorino rapidamente per adottare presto il pacchetto e rendere pienamente operativo il fondo a giugno". I capi di Stato e di governo ne discuteranno poi, "informalmente", al Consiglio straordinario del 12 e 13 febbraio.

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker non ha intenzione di "sorvegliare il signor Renzi" ma con il governo italiano e' in corso "una discussione su un certo numero di argomenti che riguardano i conti pubblici" e "all'inizio di marzo decideremo". Lo ha detto al termine del Consiglio europeo. "Ho piena fiducia nel primo ministro italiano,non mi deluera'", ha aggiunto Juncker.

"Parole, parole parole...": canticchiando la canzone di Mina il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha concluso a Bruxelles la conferenza stampa al termine dell'ultimo vertice dei capi di Stato e di governo Ue del semestre italiano, alla quale ha partecipato assieme ai no eletti presidenti del Consiglio europeo Donald Tusk e della Commissione europea Jean-Claude Juncker.

Tags:
junckerrenzi
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.