A- A+
Esteri
Ue, von der Leyen va in Italia e ignora Meloni. L'ombra di Draghi fa paura
Fonte immagine: Profilo X Ursula von der Leyen

Ue, la tattica del sommergibile di Ursula von der Leyen

Le elezioni europee si avvicinano, mancano ormai venti giorni al voto che puà stravolgere il futuro dell'Ue. Per questo Ursula von der Leyen, che punta alla riconferma come commissario, sa che adesso ogni mossa sbagliata potrebbe costarle molto cara, visto che all'orizzonte si fa sempre più evidente l'ombra di Mario Draghi, uno dei favoriti per prendere il suo posto. Von der Leyen - riporta Repubblica - deve convincere Francia, Germania, Spagna e Italia a sostenerla. Per questo deve far dimenticare — come ha provato a fare ieri a Roma — di essersi battuta al fianco di Meloni e di aver sempre creato una sponda con i Conservatori. E nello stesso tempo non può interrompere il dialogo con Palazzo Chigi. Un equilibrismo davvero complicato. Basta vedere - prosegue Repubblica - quel che è accaduto ieri nella capitale italiana. Dove Von der Leyen ha partecipato ad un evento organizzato da FI ma a porte chiuse e evitando di incontrare la presidente del consiglio.

Leggi anche: Revisione Pac e più competitività Ue: incontro tra Confagricoltura-Ursula

La presidente della Commissione uscente ha dunque capito che il rapporto con Palazzo Chigi e con la destra europea sta diventando un handicap. Non si tratta solo di aver provocato le irritazioni all’Eliseo e nel suo connazionale, il socialista. Scholz, ma anche che la strategia del Pse di mettere insieme in un solo fronte Ppe e Conservatori sta riscuotendo successo. Nei sondaggi e anche nei risultati reali: basta pensare al Portogallo, alla Spagna e anche alla recentissima Catalogna. E allora deve modificare lo stile della sua "corsa". Von der Leyen usa la tattica del sommergibile, vale a dire quella di rimanere sotto il pelo dell’acqua e quindi delle polemiche. Farsi vedere e notare il meno possibile.






in evidenza
Affari in Rete

Politica

Affari in Rete


in vetrina
Caldo africano con punte fino a 42 gradi. Ecco dove

Caldo africano con punte fino a 42 gradi. Ecco dove


motori
Alpine A290: la rivoluzione elettrica delle Hot Hatch

Alpine A290: la rivoluzione elettrica delle Hot Hatch

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.