A- A+
Esteri
Usa, nuovo scivolone degli 007. Pregiudicato armato in ascensore con Obama

Ennesimo scivolone degli agenti del Secret Service, gli uomini che hanno il compito di proteggere la vita del presidente degli Stati Uniti e della sua famiglia: il 16 settembre scorso Barack Obama e un uomo con antecedenti penali e che era armato, hanno condiviso un ascensore, un incidente che viola clamorosamente i protocolli dei Servizi Segreti americani.

L'imbarazzante incidente e' avvenuto ad Atlanta, in Georgia, il 16 settembre scorso, tre giorni prima che un uomo con un coltello riuscisse a scavalcare la cancellata della Casa Bianca e pote' non solo attraversare i prati, ma entrare nella East Wing, l'ala della residenza dove non lavora il presidente, ma ci sono gli uffici della 'first lady'. A rivelare entrambi gli episodi e' stato il Washington Post.

Tags:
obamauomo armatoascensoreusa
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.