A- A+
Esteri
maduro 500

Il 'delfino' di Hugo Chavez, Nicolas Maduro, ha vinto le elezioni presidenziali in Venezuela; ma la sua vittoria al foto-finish rischia di complicare la sua politica di governo, scatena l'opposizione politica e potrebbe persino aprire una faida interna al 'chavismo'. Il 50enne ex sindacalista, prescelto dallo stesso 'caudillo' come suo successore prima della morte per cancro, ha battuto il rivale, Henrique Capriles, di appena 235mila voti: 50,7% dei voti contro il 49,07. E adesso il candidato dell'opposizione rifiuta di riconoscere la vittoria di Maduro e chiede il riconteggio di tutte le schede votate: tutte "una per una".

Capriles ha chiesto un controllo "voto per voto"; ha detto che i suoi uomini hanno registrato almeno 3mila irregolarita' ai seggi (dai colpi d'arma da fuoco alla riapertura dei seggi); e ha aggiunto che chi esce sconfitto dalle elezioni odierne sono Nicolas Maduro e il suo governo. "Oggi non combatto contro un candidato, ma contro un intero sistema di abuso di potere". "Maduro", ha attaccato Capriles, "lo sconfitto siete voi, voi e il vostro governo. Questo sistema sta collassando: e' come un castello di sabbia, lo tocchi e viene giu'". Una vittoria cosi' di misura di Maduro da' un infausto avvio alla transizione del 'chavismo' verso l'era post-Chavez e schiude la possibilita' che Maduro si trovi a dover confrontare rivali tra le sue stesse file.

I suoi sostenitori hanno lanciato fuochi d'artificio, cantato e ballato per le strade, ma l'entusiasmo e' stato infinitamente inferiore a quello dell'ottobre scorso, quando Chavez aveva sconfitto lo stesso Capriles. Ma con un discorso deciso, appena saputo il risultato, da palazzo di Miraflores, sede del governo, Maduro e' sembrato dare poco spazio a concessioni: "Abbiamo una vittoria elettorale giusta, legale, costituzionale, popolare". E adesso si attendono le reazioni internazionali: Cina e Russia si sono affrettate a congratularsi con Maduro, l'Ue ha sottolineato "l'importanza che ci sia un risultato accettato da tutte le parti". Scontata la 'benedizione' di Raul Castro dall'Avana, si attende la reazione di Washington. Il Venezuela rifornisce gli Usa con le sue immense riserve petrolifere, ma e' sempre stata una sua spina nel fianco.

Tags:
venezuelamadurocapriles
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.